Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Progetto APIC 2107 - Consegnato all'Ospedale E. Agnelli di Pinerolo il pannello ad induzione magnetica

Pinerolo 16 novembre 2017. Proseguono le installazioni dei pannelli ad induzione magnetica donati da APIC con il proprio "Progetto di sensibilizzazione alle barriere uditive 2017", gli ausili utilizzabili sui banchi di accoglienza, prenotazioni e informazioni hanno lo scopo di agevolare i portatori di protesi acustica e impianto Cocleare muniti di bobina TCOIL nella comprensione del parlato, essi trovano la loro utilità soprattutto in locali dove il rumore di fondo può essere molto fastidioso, facendo in modo che le informazioni dell'addetto  siano più facilmente comprensibili.
L'apparecchiatura che fa parte dei 9 ausili messi in donazione ad altrettanti presidi sanitari piemontesi è installato presso il Centro Prelievi dell'Ospedale E. Agnelli di Pinerolo. Il progetto oltre a promuovere presso le strutture pubbliche le tecnologie utili a chi ha problemi di udito è volto anche alla sensibilizzazione e all'informazione riguardo le tecnologie che possono essere di supporto a chi è portatore di protesi acustica o impianto cocleare.
Il progetto, assieme agli altri 3 che APIC sta portando avanti nel 2017 è reso possibile tramite i contributi 5x1000 2014 ricevuti.


 

Pranzo sociale APIC 2017

Eccoci al nostro annuale appuntamento, un evento al quale siete calorosamente invitati per chiudere l’anno insieme, trascorrendo una domenica in modo conviviale.

Il pranzo sociale 2017 dell’APIC si svolgerà domenica 17 Dicembre 20017
presso il Ristorante  Antico Casale - Corso Casale, 278 - 10132 Torino.
 
Come sempre l’appuntamento del pranzo sociale dell’APIC è APERTO A TUTTIsoci, familiari, amici, conoscenti e simpatici curiosi. Un occasione per Sentirci e stare insieme.
Per prenotazioni e informazioni e mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.   o telefonare al Cell. 347 2214082  (Porricelli Angelo, Vicepresidente dell’APIC).
 


Torino Film Festival 2017 e accessibilità, ecco le iniziative

Come annunciato, ecco le iniziative previste per il 35° TFF  portate avanti da e con Cinemanchio.
Dopo la Mostra del Cinema di Venezia e la Festa del Cinema di Roma è la volta della 35a edizione del Torino Film Festival, ormai si è a un punto di svolta riguardo la messa a sistema della resa accessibile, a questo proposito è importantissima la partecipazione agli eventi segnalati nel volantino allegato.

 


 

ASLTO continua la sordità sulla riorganizzazione del servizio di assistenza protesica

"Un gruppo di Associazioni da sempre attivo sul tema delle disabilità è da troppo tempo in attesa di una risposta da quelle istituzioni che dovrebbero considerare un valore aggiunto la collaborazione offerta da chi il disagio lo vive sulla propria pelle tutti i giorni. Il tema è la chiusura e smantellamento degli uffici di Protesica ed Assistenza Integrativa a capo della nuova ASLTO con accorpamento in un unica nuova sede. Per questo motivo dopo una prima lettera di chiarimento e successivo sollecito di cui non è mai pervenuta risposta, APIC a nome di tutte le associazioni aderenti all'azione ha deciso di diramare il presente comunicato"

Di storie come quella che sottoponiamo ne capitano infinite: non è eccezionale, ma siamo convinti che l'assuefazione sia intossicante e dannosa per tutti . Il problema che di seguito affrontiamo va oltre la questione dello smantellamento dei servizi e diventa  arroganza e sordità. 
La Direzione dell'ASL TO ama parlare di trasparenza, di dialogo: tuttavia nella pratica del gestire un servizio pubblico non fa nulla di diverso da chi tratta le persone come sudditi. 
Di seguito inviamo il riassunto di una storia che interessa i cittadini che si trovano a dover interagire con un servizio sanitario, l'ufficio Protesica ed  Assistenza Integrativa dell'ex ASLTO1 (ora parte dell'unica ASL cittadina, l'ASL Città di Torino, a seguito dell'accorpamento con l'ex ASLTO2).

Le Associazioni che sottoscrivono questa lettera sono venute a conoscenza  della comunicazione  con la quale l'ex ASL To1 forniva informazioni sulla  riorganizzazione dell'Ufficio Assistenza Protesica ed Integrativa. Tale comunicazione veniva pubblicata anche sul sito della ASLTO
In breve sintesi, i cittadini venivano informati che a partire dal 1° Luglio 2017 l'ufficio di Assistenza Protesica di Via Monginevro 130 sarebbe stato chiuso e il riferimento unico per tutte le persone afferenti all'ex ASLTO1    sarebbe stato solo più quello di Corso Corsica 55. 
Le associazioni scriventi affermano che tale  decisione ha effetti devastanti sulla quotidianità delle vite delle persone: con questo atto l'ex ASLTO1 conclude il percorso di 'smantellamento' del servizio di Assistenza Protesica e Integrativa, passando dalle iniziali 4 sedi a 1 sola sede (quella di Corso Corsica 55) per un bacino di riferimento che ammonta al 50% della popolazione della città.  Chiusi progressivamente i servizi di  via Farinelli 25, di  via S.Secondo 29 bis ed ora di via Monginevro 130, il disagio  per chi abita in un distretto sanitario dell'ex ASL TO1 molto distante da Corso Corsica 55 (zona Lingotto) è enorme; per non parlare dell'orario di apertura del servizio in tale sede che è estremamente ridotto nell'arco della settimana: spesso su una decina di sportelli quello dedicato  al servizio di assistenza protesica ed integrativa è solo 1 ed il ritiro delle autorizzazioni all'erogazione delle prestazioni è previsto solo nella giornata di martedì.
Per non parlare della disfunzione dello sportello telematico: per chi richiede autorizzazioni via telematica il tempo di attesa per ottenere risposta è mediamente di 3 mesi.
E' pur vero che tramite  le Farmacie e i negozi di articoli ortopedici, di ortottica o di audioprotesica si può  evitare di recarsi di persona allo sportello dell'Ufficio di Corso Corsica 55:  purtroppo però moltissime pratiche per l'autorizzazione alla fornitura di ausili che interessano persone con disabilità motoria o sensoriale  non sono riconducibili a farmacie o negozi .

Molte associazioni di persone con disabilità hanno  richiesto un incontro alla Direzione della ASLTO con invio di raccomandata  datata 1 agosto 2017:  alla fine di ottobre 2017 non c'è stato alcun riscontro, e non ha avuto risposta neanche il sollecito inviato da molte associazioni  alla fine del mese di settembre.
Crediamo che questa situazione che interessa  molti cittadini , dimostri come sia non veritiera la narrazione che viene fatta su molti media sul miglioramento del rapporto tra le istituzioni e le persone: queste vengono trattate alla stregua di sudditi. 
Aggiungiamo che, in spregio delle norme che prevedono l'obbligo per la P.A. della  risposta certa entro un determinato tempo , nel caso specifico questo limite (un mese) è stato superato ampiamente . 

Le Associazioni di persone con disabilità che sottoscrivono questa lettera si augurano che il loro appello non venga ignorato.
APIC - Associazione portatori impianto cocleare; CP - Coordinamento Paratetraplegici del Piemonte onlusATE - Associazione traumi encefaliciCSS - Ciao ci SentiamoCIRMAC - Centro Italiano Risveglio Musicale Risveglio (Moncalieri To)FIALS - Sportello Invalidità TorinoANFFAS - Associazione Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale di TorinoCPD -Consulta Persone in DifficoltàFIADDA - Famiglie Italiane Associate per la Difesa dei Diritti degli Audiolesi Piemonte; Il Cerchio Aperto - Associazione di Volontariato per l'integrazione delle persone con disabilità intellettiva (Torino) 

Per ogni ulteriore contatto, riferirsi a: 
Paolo De Luca - Associazione APIC 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.   - www.apic.torino.it 


 

CINEMANCHÌO sbarca alla Festa del Cinema di Roma

APIC è partner del Progetto Cinemanchìo presente alla Festa del Cinema di Roma in programma nella capitale dal 26 ottobre al 5 novembre 2016, con il quale si propone un percorso inclusivo attraverso la resa accessibile delle opere cinematografiche e la messa a sistema di un modello stabile basato su riferimenti culturali e sociali, progettualità determinata e ampiezza di applicazione. Le Istituzioni e il mondo del cinema hanno la possibilità di affermare, attraverso rispettivamente un intervento legislativo e strumenti innovativi sul piano della produzione e dell’offerta, un principio di uguaglianza e di inclusione culturale e sociale che costituisca un segnale forte di civiltà e di democrazia in tutto il Paese. Il cinema può diventare la porta d’ingresso per un grande processo culturale che coinvolga nuovo pubblico e migliaia di spettatori fino ad oggi esclusi dall’esperienza della visione del film in una sala cinematografica.
Per maggiori informazioni e il programma dettagliato cliccare sull'immagine sottostante.


 

Su RaiPlay arriva la 'stretch tv'

 

Su RaiPlay arriva la 'stretch tv'. Presto disponibile su RAI PLAY la tv rallentata, una funzionalità esclusiva della Rai che consente di diminuire la velocità delle immagini e dell'audio senza perdere qualità. Dedicata alle persone anziane, agli stranieri, a chi vorrà imparare meglio l'inglese e aggiungiamo noi di APIC, fondamentale per chi ha problemi di udito.
Fonte RAI NEWS


 

Ultimata la donazione per il progetto condiviso con Lets'Go Dislessia ONLUS e l'Azienda Ospedaliero/Universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino

Il 2 Ottobre 2017 con la consegna dell'Audiometro diagnostico di base acquistato da APIC con le donazioni derivanti dii 5x1000 del 2014, si è concluso l'iter per il finanziamento del progetto denominato: “Screening uditivo scolastico per una diagnosi differenziale fra ipoacusia e DSA “. Il progetto, condiviso con l'Associazione Lets’G.O. Dislessia ONLUS e L'Azienda Ospedaliero/Universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino ha come scopo quello di prevenire la sordità infantile e i disturbi specifici dell’apprendimento. 
Condividendo in pieno il percorso del progetto, l’APIC ha messo a disposizione della S.C. Otorinolaringoiatria U della Città della Salute e della Scienza di Torino sotto forma di donazione liberale: N°1 Audiometro diagnostico di base – Bell mod. plus con inclusi: 
- Software per la gestione dei pazienti e creazione dei referti
- Modulo Noah dedicato


 

 

Progetto APIC di sensibilizzazione barriere uditive 2107 - Consegnato il primo pannello

Orbassano 29 settembre 2017. Sulla scia del precedente, APIC con il nuovo "Progetto di sensibilizzazione alle barriere uditive 2017continua l'opera di sensibilizzazione e donazione sul territorio dei pannelli portatili ad induzione magnetica utilizzabili sui banchi di accoglienza, prenotazioni e informazioni in modo da agevolare i portatori di protesi acustica e impianto Cocleare muniti di bobina TCOIL nella comprensione del parlato, essi trovano la loro utilità soprattutto in locali dove il rumore di fondo può essere molto fastidioso, facendo in modo che le informazioni dell'addetto  siano più facilmente comprensibili.
Il primo dei 9 ausili messi in donazione ad altrettanti presidi sanitari piemontesi è stato donato e installato presso il CUP dell'Ospedale San Luigi Gonzaga di Orbassano, il progetto oltre a promuovere presso le strutture pubbliche le tecnologie utili a chi ha problemi di udito è volto anche alla sensibilizzazione e all'informazione riguardo le tecnologie che possono essere di supporto a chi è portatore di protesi acustica o impianto cocleare.
Il progetto, assieme agli altri 3 che APIC sta portando avanti nel 2017 è reso possibile tramite i contributi 5x1000 2014 ricevuti.



 

Completato il progetto APIC a favore del CIAO - Ospedale Martini

Il 21 settembre 2017 a Torino, presso l'ospedale Martini di via Tofane 71, con la consegna dei due Notebook ai responsabili e collaboratori del  CIAO il Centro Infantile di Audiologia e Otologia, si è concluso l'iter per il finanziamento del progetto denominato: “Progetto di implementazione delle strumentazioni ambulatoriali di Otochirurgia e di Audiologia del CIAO, Ospedale Martini – Torino”. Il progetto reso possibile tramite i contributi 5x1000 2014 ricevuti è stato prontamente supportato da APIC con l'acquisto di N° 2 PC Notebook ASUS 15.6/i5 comprensivi di pacchetto Office 2016.
vedi la photogallery


 

Dal 2 all'11 ottobre 2017 "Più cinema per tutti" a Torino, film accessibili anche a persone con deficit della vista o dell’udito


Più cinema per tutti, a Torino film accessibili anche a persone con deficit della vista o dell’uditoAPIC è partner del ciclo di proiezioni con audio descrizione per ciechi e sottotitoli per non udenti in programma presso il Cinema Massimo di Torino dal 2 all' 11 Ottobre 2017.
Più Cinema Per Tutti è un progetto sviluppato dall’Associazione Museo Nazionale del Cinema con il sostegno della Compagnia di San Paolo
 nell’ambito dell’edizione 2016 di Open – Progetti innovativi di Audience Engagement, e coordinato da Rosa Canosa, che prevede la resa accessibile per persone con deficit della vista o dell’udito di undici film, per un totale di diciotto proiezioni aperte a tutti, con audio descrizione e sottotitoli.

Al presente link il programma completo della rassegna

Quattordici di queste proiezioni si terranno nell’ambito dell’omaggio dedicato dal Museo Nazionale del Cinema al regista e attore Carlo Verdone; sette dei nove film di Verdone in programma saranno accessibili anche a spettatori ciechi, ipovedenti, sordi o ipoudenti tramite audio descrizione e sottotitoli. L’audio descrizione sarà disponibile tramite l’app MovieReading e i sottotitoli saranno a schermo, favorendo così, peraltro, la fruizione del film da parte del pubblico di origine straniera. Altri quattro film saranno resi accessibili e proiettati con le stesse modalità, quindi con audio descrizione su app e sottotitoli a schermo, nell’arco del 2018, dopo essere stati scelti con la partecipazione del pubblico, che potrà esprimere le proprie preferenze attraverso un sondaggio nei giorni della rassegna. Queste quattro proiezioni saranno organizzate in collaborazione con la piattaforma Movieday. La prima parte della programmazione di Più Cinema Per Tutti, che si terrà per la sua prima edizione dal 2 all’11 ottobre al Cinema Massimo di Torino, prevede dunque la resa accessibile dei più bei film di Carlo Verdone attraverso proiezioni che non intendono essere eventi speciali e “dedicati”, bensì parte integrante della normale programmazione delle sale e rivolte ad un pubblico misto. Carlo Verdone sarà presente a Torino per l’apertura della rassegna e incontrerà il pubblico nella serata inaugurale di lunedì 2 ottobre al Cinema Massimo per presentare Borotalco (Italia, 1981, 127’), terzo film del regista e attore romano, un carosello di equivoci dove Sergio (Verdone), imbranato e grigio venditore porta a porta, assume l’identità di un affascinante viveur per far colpo sulla bella Nadia (Eleonora Giorgi).Tra gli altri film di Verdone in programma a Più Cinema Per Tutti: Perdiamoci di vista (Italia, 1994, 113’) pellicola in equilibrio tra commedia e dramma, con una giovanissima Asia Argento nei panni di una paraplegica e un bugiardo e bonario Verdone alla prese con la ricostruzione della sua vita; L’Amore è eterno finché dura (Italia, 2004, 108’), una malinconica riflessione sulla fragilità delle relazioni sentimentali con le splendide Laura Morante e Tiziana Rocca; Compagni di scuola (Italia, 1988, 118’), film corale supportato da un cast d’eccezione, dove Verdone mette in scena una tipica riunione nostalgica di ex compagni di scuola che si ritrovano a quindici anni di distanza dal diploma; Io e mia sorella (Italia, 1987, 109’), film di svolta nella carriera di Verdone, una commedia di respiro europeo e di dramma famigliare con Ornella Muti nei panni della sorella esuberante e dalla vita complicata che stravolge la quotidianità del fratello, un tranquillo musicista di oboe; Maledetto il giorno che t’ho incontrato (Italia, 1992, 115’), uno sguardo agrodolce sul rapporto tra uomo e donna, una storia d’amicizia e poi d’amore carica di comprensione tra due persone complessate e fragili interpretate da Carlo Verdone e Margherita Buy; Ma che colpa abbiamo noi (Italia, 2002, 120’), commedia esilarante su un gruppo di partecipanti a un gruppo di terapia che si ritrova senza psichiatra e decide di continuare in autogestione.
 
Dal comunicato:
In Italia sono circa 1.850.000 le persone cieche o ipovedenti e circa 969.000 quelle sorde o ipoudenti – commenta Rosa Canosa, coordinatrice di Più Cinema Per Tutti – Tuttavia gli strumenti come l’audio descrizione e i sottotitoli, che rendono accessibili a queste persone i prodotti audiovisivi, sono ancora poco diffusi, soprattutto in Italia.Più Cinema Per Tutti è un progetto che non solo vuole contribuire a diffondere l’uso di questi strumenti e la consapevolezza della loro importanza in ampi strati della cittadinanza, ma vuole farlo affiancando a una cultura dell’accessibilità quella di una reale integrazione. Le diciotto proiezioni accessibili organizzate nell’ambito di Più Cinema Per Tutti, infatti, escono dalla logica spesso prevalente dell’evento speciale e dedicato per inserirsi all’interno della regolare programmazione delle sale. Questo fa sì che gli spettatori ciechi, ipovedenti, sordi o ipoudenti possano ritrovarsi fisicamente nella stessa sala con spettatori che non hanno deficit della vista o dell’udito, condividere con loro la stessa proiezione e scambiare commenti sul film a fine proiezione, se ne hanno voglia. L’esperienza della proiezione accessibile recupera così anche un valore ricreativo e di socialità, a fianco di quello più propriamente culturale.Questo è lo spirito che ci aspettiamo di trovare durante il ciclo di proiezioni dedicate ai più bei film di Carlo Verdone, un autore del cinema italiano molto amato e capace di attivare gruppi di fan, alcuni provenienti anche da altre città d’Italia, entusiasti di poterlo incontrare e di poterne rivedere i film culto in una delle sale cinematografiche più prestigiose di Torino.Dal 2006 l’Associazione Museo Nazionale del Cinema – aggiunge Vittorio Sclaverani, presidente dell’AMNC – ha rinnovato la sua base sociale arricchendo le proprie attività e i contesti d’intervento dando sempre più attenzione ai progetti culturali d’inclusione sociale a partire da cinemAutismo. Negli ultimi mesi, l’AMNC ha vinto tre bandi nazionali molto importanti che testimoniano le progettualità in cui crediamo di più: attraverso Funder 35 promosso dalla Fondazione Cariplo stiamo sviluppando l’Archivio Superottimisti perseguendo la mission originaria di valorizzare il patrimonio audiovisivo del territorio grazie al recupero dei film di famiglia in formato ridotto. Grazie a Sillumina Periferie urbane della Siae stiamo realizzando ‘LiberAzioni. Festival delle arti dentro e fuori il carcere’ nel quartiere delle Vallette di Torino, mentre con Open della Compagnia di San Paolo stiamo per partire con ‘Più Cinema Per Tutti’ grazie alla preziosa condivisione progettuale con il Museo Nazionale del Cinema e con dieci associazioni. ‘LiberAzioni’ e ‘Più Cinema Per Tutti’ hanno una forte vocazione a cercare di intercettare nuovi pubblici e stimolare una cultura d’inclusione. Continua Matteo Bagnasco, Responsabile dell’Area Innovazione culturale di Compagnia di San Paolo: Questo progetto è stato selezionato tra i 175 pervenuti alla Compagnia di San Paolo per l’edizione 2016 del bando Open dedicato a iniziative che sperimentino nuove forme di partecipazione alla cultura. Una parte di esse sono dedicate al lavoro di inclusione di cittadini che non partecipano alla vita culturale o lo fanno poco per motivi differenti a seconda delle diverse tipologie. Il progetto “Più Cinema Per Tutti” si avvale delle tecnologie per permettere a chi è portatore di alcune forme di disabilità sensoriale di andare al cinema a spettacoli ordinari, aperti a tutti ma predisposti perché siano facilmente fruibili anche da chi ha alcune difficoltà. Speriamo sia un’occasione per sensibilizzare produttori, distributori e sale in questo senso.Da molti anni il nostro museo si è proposto al pubblico come spazio aperto, accessibile a tutti e inclusivo dove il patrimonio è messo a disposizione della collettività perché vi si riconosca e ne diventi partecipe, per garantire il diritto di tutti alla cultura – sottolinea Donata Pesenti Campagnoni, direttore pro tempore del Museo Nazionale del Cinema – L’accessibilità e l’inclusione sono pertanto due missioni fondamentali che indirizzano il nostro ricco programma di attività . Mi piace ricordare tra gli altri il progetto ‘Un museo per tutti, un museo per te’, realizzato alla Mole Antonelliana per rispondere alle esigenze non di un pubblico indifferenziato ma di pubblici diversi, dalle caratteristiche e dai bisogni specifici; un progetto fondato su un allestimento multisensoriale, cresciuto negli anni anche grazie alla collaborazione con le diverse associazioni per la disabilità sensoriale che operano sul territorio. Oggi il Museo è un luogo che accoglie e coinvolge gli spettatori perché consente loro di guardare, toccare e ascoltare ciò che incontrano lungo il percorso e di vivere così una personale esperienza di conoscenza.
Fonte: http://www.quotidianopiemontese.it/

 

Opportunità di mobilità per una città sempre più accessibile

APIC, da sempre attenta alle tematiche riguardo la piena accessibilità per ogni tipo di disabilità, ha partecipato all'interessante convegno organizzato dall'Azienda Ospedaliera Universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino nella Sala Antico Teatro, Via San Marino, 10, nell’ambito della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2017.
 Il 22 settembre 2017 il convegno intitolato appunto “Opportunità di mobilità per una città sempre più accessibile”partendo dall’appunto fissato dalla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, che accessibilità, fruibilità e mobilità personale sono diritti umani – ha poi toccato un’ampia carrellata sulle attuali opportunità di utilizzo dei mezzi di trasporto da parte delle stesse persone con disabilità.

«La Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità riconosce che accessibilità, fruibilità e mobilità personalesono diritti umani, che la società viola creando barriere, ostacoli e discriminazioni. Le politiche in materia devono tenere conto che nell’arco di una vita tutte le persone vivranno condizioni di disabilità. L’Unione Europea, che come l’Italia ha ratificato la Convenzione, ha introdotto una serie di legislazioni in tutti gli ambiti di trasporto (su gomma, su ferro, su acqua, per aria ecc.). Una politica cittadina nell’àmbito dei trasporti necessità di un piano d’azione in materia, elaborato tenendo conto della legislazione nazionale, coinvolgendo le Associazioni di persone con disabilità, monitorato periodicamente attraverso raccolte di dati e statistiche, per misurarne i progressi»: partiranno da questi assunti i lavori dell’importante convegno intitolato Opportunità di mobilità per una città sempre più accessibile, promosso per la mattinata del 22 settembre dal Comune di Torino (Azienda Ospedaliera Universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino, Sala Antico Teatro, Via San Marino, 10), nell’ambito della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2017, in corso nel capoluogo piemontese.

Dopo i saluti degli assessori del Comune di Torino Maria Lapietra (Trasporti e Mobilità), Sonia Schellino(Politiche Sociali) e Paola Pisano (Innovazione) e di Mauro Barisone, vicepresidente vicario dell’ANCI Piemonte (Associazione Nazionale Comuni Italiani), ad aprire il convegno sarà Giampiero Griffo, in rappresentanza dell’EDF (European Disability Forum), uno dei componenti la delegazione italiana alle Nazioni Unite, che nel 2006 arrivò a fare approvare la citata Convenzione.
A seguire, dopo l’intervento della sindaca di Torino Chiara Appendino, sarà Maria Teresa Massa, architetto che opera a fianco dell’Amministrazione Municipale, a soffermarsi sulle Azioni del Comune di Torino in agenda per garantire una mobilità sicura delle persone con disabilità.

Particolarmente interessante sarà anche la successiva tavola rotonda (I mezzi di trasporto sicuri per il disabile), durante la quale verranno passati in rassegna tutti gli specifici settori del trasporto, sia rispetto all’accessibilità che alla sicurezza.
Vi parteciperanno Guido Bordone, disability manager di GTT (Gruppo Torinese Trasporti (Il trasporto pubblico locale per una città accessibile); Simona Cristofari, station manager di RFI (Rete Ferroviaria Italiana) (Servizi ferroviari per le disabilità); Alessandra Gerace, quality manager di Sagat Torino Airport (Il trasporto aereo – Servizi a terra per le disabilità); Roberto Romeo, presidente nazionale dell’ANGLAT (Associazione Nazionale Guida Legislazioni Andicappati Trasporti) (Mobilità con il mezzo privato, gestione contrassegni, stalli ed accessibilità ZTL); Massimiliano Curto, amministratore delegato di Wetaxi (Il taxi a Torino è accessibile a tutti); Barbara Covili, general manager di Mytaxi (L’innovazione senza confini); Cristian Tarasco, architetto, che è stato tra i promotori – come abbiamo riferito anche sulle nostre pagine – di una petizione presentata al Consiglio Comunale di Torino, per far sì che venga reso disponibile alle persone con disabilità motoria – tramite l’adattamento di alcuni veicoli – il car sharing (“auto condivisa”) del capoluogo piemontese (Presentazione startup “Car Sharing per tutti”).

Una carrellata a trecentosessanta gradi, dunque, sulle attuali opportunità di utilizzo dei mezzi di trasporto da parte delle persone con disabilità, un dibattito quanto meno doveroso all’interno di una Settimana Europea sulla Mobilità Sostenibile, che dovrebbe anche portare a utili spunti e proposte su cui discutere.

Fonte: superando.it


 

Riorganizzazione Ufficio Assistenza Protesica ed Integrativa dell'ASLTO ex ASLTO1 e ASLTO2

 

Siamo venuti a conoscenza  della comunicazione della ASLTO sulla riorganizzazione Ufficio Assistenza Protesica ed Integrativa dell'EX ASLTO1 pubblicata sul sito della ASLTO che quale informa che a partire dal 1° Luglio 2017 l'ufficio di Via Monginevro è stato chiuso e il riferimento unico per tutte le persone  afferenti all'ex ASLTO1 rimane  Corso Corsica 55.
Vedi comunicato stampa Regione Piemonte su accorpamento ASL TO1 e ASL TO2.

La nostra preoccupazione è alta ,infatti il sapere che gli uffici Assistenza Protesica dell'ex ASLTO2 al momento siano ancora 4 (fino a quando?) non diminuisce la gravità che l'ex ASLTO1 da 4 passi a 1 sola sede (Corso Corsica).Chiusa via Farinelli , chiusa via S.Secondo ed ora via Monginevro , il disagio per chi  fa riferimento all'ex ASLTO1 è enorme , per tutta una serie di problematiche , dalla organizzazione degli orari di apertura degli sportelli (in genere  quello aperto è solo 1) ,al ritiro delle autorizzazioni previsto solo il martedì a determinate ore ,infatti non c'è il tempo continuato ,alla disfunzione dello sportello telematico , il tempo di attesa per risposta /ritiro per chi richiede autorizzazioni via telematica è circa 3 mesi.
E’ vero che tramite  le Farmacie e i negozi si può evitare di recarsi di persona allo sportello, ma moltissime pratiche e molti ausili che interessano  le persone con disabilità temporanea e/o permanente non sono riconducibili a farmacie e/o negozi .

Come reazione immediata l'APIC  venerdì 14 Luglio 2017 ha inoltrato una mail un pò generica alla ASL TO richiedendo spiegazioni ( non c'è stato risontro),ma riteniamo che serva un'azione più formale  come si suol dire serve che le associazioni si facciano sentire.
E sebbene  il periodo estivo non aiuta, (chissà come mai queste scelte vengono fatte  in estate), insieme ad altre realtà si sta per richiedere un incontro al Direttore Generale della Azienda Sanitaria Locale Città di Torino .

Si sta quindi preparando una lettera di richiesta incontro con direzione ASLTO che sarà inoltrata per conoscenza al Presidente della Regione Piemonte, all'Assessore alla sanità Regione Piemonte, Direzione Sanità e Responsabili settori, essa è frutto di un confronto e dialogo fra l'APIC e Ciao ci sentiamo (altra associazione che tutela bambini con disabilità uditiva), che comunque rimane aperta a qualsiasi altra realtà associativa del settore voglia partecipare, nella quale si richiede di discutere sulla questione disservizi dello sportello di Corso Corsica nel contesto della conoscenza complessiva dei piani organizzativi territoriali  con riferimento alla chiusura di via Monginevro.


 

Chiusura estiva 2017 dello Sportello di ascolto APIC

Lo sportello di ascolto APIC rimarrà chiuso per la pausa estiva 2016 da Venerdì 7 luglio a venerdì 1 settembre compresi.
Si riprenderà la normale attività lunedi 4 settembre.
Nel periodo di chiusura è comunque possibile se necessario concordare la presenza di un volontario scrivendo alla nostra mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Buone vacanze a tutti!!!!!


 

CARLO VERDONE per PIÙ CINEMA PER TUTTI

Rassegna di film accessibili anche a persone con deficit della vista o dell’udito

Dal 2 all’11 ottobre, Cinema Massimo (Torino)

Il prossimo 2 ottobre a Torino sarà l’attore Carlo Verdone a inaugurare la rassegna Più cinema per tuttiun ciclo di proiezioni aperte a tutti, con audio descrizione per non vedenti e sottotitoli per non udenti, che si terrà al Cinema Massimo dal 2 all’11 ottobre. 
L’iniziativa Più cinema per tutti, sviluppata dall'Associazione Museo Nazionale del Cinema e coordinata da Rosa Canosa, permetterà la fruizione cinematografica in sala da parte di disabili sensoriali, non udenti e non vedenti, attraverso proiezioni accessibili che non intendono essere eventi speciali e “dedicati”, bensì parte integrante della normale programmazione delle sale e rivolte ad un pubblico misto.

 
Carlo Verdone incontrerà il pubblico di Più cinema per tutti nella serata inaugurale di lunedì 2 ottobre al Cinema Massimo e presenterà il suo film Borotalco, primo dei nove titoli del regista e attore romano in programma, di cui sette saranno accessibili anche a persone con disabilità sensoriali.
Sono molto fiero del fatto che l’Associazione Museo Nazionale del Cinema di Torino abbia scelto alcuni dei miei film - commenta Carlo Verdone - per un’iniziativa così lodevole e di grande sensibilità. Nella mia vita ho sempre lavorato per il pubblico, per la gente, e mi riempie di gioia e di orgoglio sapere che tutti, anche persone che hanno qualche piccola difficoltà, potranno vedere alcune delle mie opere. Ringrazio di cuore l’organizzazione di “Più cinema per tutti” per la generosità e l’impegno con cui hanno creato questo evento.
 
Terzo film di Verdone, Borotalco è una storia dove sogni e realtà si confondono e nella quale il personaggio interpretato da Verdone stesso cerca di emergere dal grigiore di una vita piatta e borghese. Un carosello di equivoci dove Sergio (Verdone), imbranato e grigio venditore porta a porta, assume l’identità di un affascinante viveur per far colpo sulla bella Nadia (Eleonora Giorgi). Ma a poco a poco, il vortice delle menzogne sulle quali ha costruito il suo rapporto con Nadia lo porta a non riuscire a liberarsi del personaggio che millanta di essere, con conseguenze tragicomiche.  Un film molto divertente e originale, che Verdone sceneggia e dirige, con una splendida colonna sonora di Lucio Dalla.
 
Il progetto Più cinema per tutti è realizzato con il sostegno della Compagnia di San Paolo nell’ambito dell’edizione 2016 di OPEN, e in collaborazione con Museo Nazionale del Cinema, ANPVI Associazione Nazionale Privi della Vista e Ipovedenti, APIC Associazione Portatori di Impianto Cocleare, APRI Associazione Pro-Retinopatici e Ipovedenti, CPD Consulta per le Persone con Disabilità, ENS Ente Nazionale Sordi, FIADDA Famiglie italiane associate per la difesa dei diritti degli  Audiolesi, Torino + Cultura Accessibile, TVO Tactile Vision Onlus, UICI Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, Giovani per Torino.



 

L'APIC su RAI3 a Tutta salute

Una bella sorpresa quella del centro Ricerche RAI di Torino che ha voluto sottolineare la nostra collaborazione, a fianco della Dott.ssa Carla Montuschi della Città della Salute e della Scienza di Torino, riguardo i progetti RAI sui percorsi museali accessibili e il progetto Beethoven. Le due grosse innovazioni in fatto di accessibilità sono descritte magistralmente dall'Ing. Andrea del Principe, del Centro  Ricerche e innovazione della RAI, nei primi 10 minuti della trasmissione Tutta Salute di RAI3. Buona Visione!
Al presente link la registrazione della puntata, sono disponibili nella versione desktop, i sottotitoli per non udenti.


 

BESTIALE! Animal Film Stars - Una mostra per tutti

E' al via presso il Museo Nazionale del Cinema di Torino la mostra BESTIALE! Animal Film Stars.
Una mostra che ovviamente è totalmente accessibile ad ogni tipo di disabilità, in cui anche questa volta APIC è stata coinvolta. Ciò grazie all'impegno e all'attenzione che da sempre il Museo del Cinema di Torino mette in campo per contrastare nel miglior modo qualsiasi tipo di barriera,  sia architettonica che sensoriale.

Da sempre gli animali fanno parte dell'immaginario cinematografico. Dai cani divi storici come Rin Tin Tin e Lassie fino alla nuova ondata di protagonisti a 4 zampe che caratterizzano la  produzione contemporanea, dal Balthazar di Bresson allo squalo di Spielberg, gli animali non cessano di fornire materia per storie di tutti i tipi.
Il Museo Nazionale del Cinema di Torino celebra gli animali sul grande schermo con una mostra che si terrà nell'incomparabile scenario della Mole Antonelliana dal 14 giugno 2017 all'8 gennaio 2018.

Articolata in dieci differenti sezioni tematiche, la mostra racconta allo spettatore un universo multiforme. Fotografie, manifesti, storyboard, costumi di scena, memorabilia e animatronics dialogheranno con le sequenze dei film assemblati in montaggi speciali.
Due i temi principali della mostra. Il primo: cos'è una star animale? In particolare, qual è la relazione tra icona popolare e animale (spesso non un singolo, ma più di uno) in carne ed ossa che lo rappresentano sulla schermo?
Il secondo: esiste una "recitazione animale"? E come definirla oggi, quando animatronics ed effetti speciali digitali spingono verso personaggi di animali che sembrano sempre più esseri umani, mutandone la natura stessa?
Gli oggetti in esposizione provengono dalle collezioni del Museo Nazionale del Cinema, e da importanti istituzioni internazionali, tra  cui l’Academy of Motion Pictures Arts and Sciences di Los Angeles, la NBCUniversal Archives & Collections, La Cinémathèque française, il  Palm Dog Award, e da collezionisti e professionisti del mondo del cinema, come il Premio Oscar per i migliori effetti speciali John Cox.

La mostra è a cura di Davide Ferrario e Donata Pesenti Campagnoni, con la collaborazione di Tamara Sillo e Nicoletta Pacini.

ORARI e TARIFFE al seguente LINK

INFORMAZIONI AD ACCESSO FACILITATO
Per favorire la visita alla mostra sono a disposizione del pubblico Informazioni ad Accesso Facilitato, posizionati in un apposito totem all’inizio del percorso espositivo, lungo la rampa e/o scaricabili sul canale youtube del Museo ai links indicati in calce.

 Schede in consultazione:
- Testi mostra ad alta leggibilità in italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo;
- Testo facilitato in italiano e inglese;
- Mappe concettuali facilitate per DSA
- Testo in Braille in italiano, schema visivo-tattile del percorso espositivo

Contenuti attivabili tramite Qr code e NFC
Audio-video con interprete LIS (Lingua Italiana dei Segni), con sottotitoli e audio in italiano dei pannelli di mostra

Che cos’è un animale star?
Libro for all con immagini, disegni visivo-tattili, biografie, audio video LIS, mappe concettuali. Modelli visivo tattili

Etichette in Braille
Indicazioni sul corrimano sul percorso espositivo per i visitatori non vedenti.

Bestiale! Animal Film Stars 
Bestiale! Introduzione alla mostra
Recitare da cani…

Prime tre sezioni sulla rampa
L’animale antropomorfo
L’amico dell’uomo
Dal loro punto di vista

Sezioni centrali rampa
L’animale simbolico
Tra uomo (e donna) e animale
L’animale come minaccia

Le ultime 5 sezioni:
Giocando con gli animali
Animali e divi di Hollywood
Animali ed eros
L’animale (ab)usato
American Humaine - ENPA – LAV

 QR -  BIOGRAFIE  - CHE COS’E’ UN ANIMALE STAR?
1. CHEETA
2. ELSA
3. FRANCIS
4. KEIKO – FREE WILLY
5. LASSIE
6. RHUBARB
7. UGGIE

In collaborazione con: Tactile Vision Onlus; Associazione Interpreti LIS, Torino + Cultura Accessibile, Let’s G.O. Dislessia


 

 

Con una grossa novità, ecco il nuovo cartellone dell'Orchestra Sinfonica della Rai

Con una grossa novità che ci riguarda direttamente, condividiamo l'articolo di RAI NEWS riguardo la nuova stagione dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, integrandola con una notizia che ci sta molto a cuore.  E' stato infatti annunciato durante la conferenza stampa tenutasi a Torino, Lunedì 29 maggio 2017 presso la Sala di Rappresentanza dell'Auditorium Rai Arturo Toscanini, che parte della sala concerti verrà dotata di impianto ad induzione magnetica, al fine di agevolare l'ascolto ai portatori di protesi acustica e impianto cocleare.

da Rai News 2 Giugno 2017 - di Nicola Iannello

Da ottobre a Torino la stagione 2017-18
Ecco il nuovo cartellone dell'Orchestra Sinfonica della Rai

Yury Temirkanov, Myung-whun Chung e Fabio Luisi sono alcuni dei prestigiosi nomi che si alterneranno a quello del Direttore principale James Conlon sul podio dell'Auditorium "Toscanini". Prima stagione firmata dal Direttore artistico Ernesto Schiavi 

Tanto Novecento e tante proposte del repertorio più classico nella nuova stagione dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai. Ventiquattro i concerti all’Auditorium “Arturo Toscanini” di Torino, dal prossimo ottobre a maggio 2018. Rai Cultura li proporrà con una programmazione dedicata, in diretta su Rai5, mentre tutti saranno trasmessi – sempre in diretta – su Radio3, oltre che nel circuito Euroradio, in Eurovisione e in live streaming sul sito www.osn.rai.it

L’inaugurazione, venerdì 20 ottobre 2017, è affidata a James Conlon e affianca la Prima e la Terza Sinfonia di Johannes Brahms, del quale il Direttore principale dell’Orchestra Rai propone l’integrale delle sinfonie, completandolo ad aprile 2018 con la Sinfonia n. 2 e la Sinfonia n. 4. Durante il corso della stagione e nel successivo Festival di Primavera, Conlon dirigerà otto concerti, dedicati al repertorio sinfonico classico, romantico e tardo-romantico – da Mozart e Beethoven a Mahler e Strauss, passando per Dvořák e Saint-Saëns – e grandi pagine novecentesche di Stravinskij e Respighi. Dopo il successo ottenuto la scorsa stagione con la Valchiria, quest’anno – il 24 e il 26 maggio 2018 – il direttore americano propone un’intera opera in forma di concerto, ancora di Richard Wagner: Der fliegende Holländer, con il baritono Erik Tomas Tomasson nel ruolo del titolo.

Oltre a Conlon, sul podio dell’OSN Rai si alterneranno grandi direttori di fama internazionale in questa stagione che porta per la prima volta la firma del Direttore artistico Ernesto Schiavi. Graditissimi i debutti di Yuri Temirkanov – con un programma russo – e Fabio Luisi – presente con un concerto in stagione e uno nel Festival di Primavera – e il ritorno di Myung-whun Chung con grandi pagine di Rachmaninov e Beethoven. Anche Juraj Valčuha, Direttore principale dell’Orchestra Rai dal 2009 al 2016, tornerà per due concerti dedicati principalmente al grande sinfonismo del Novecento. Nel corso della stagione si potranno ascoltare anche John Axelrod, Dennis Russel Davies, Andris Poga, Hartmut Haenchen, Claus Peter Flor, Kazuki Yamada, Gustavo Gimeno, Mark Elder, Marc Albrecht e la direttrice lituana Mirga Gražinyte-Tyla, nuovo direttore musicale della City of Birmingham Orchestra. L’8 e 9 marzo poi, il grande compositore ungherese Peter Eötvös interpreterà la sua opera intitolata Alle vittime senza nome, commissionata congiuntamente dall’Orchestra Filarmonica della Scala, dall’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, dall’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino e dall’OSN Rai.

Ma sul palco dell’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” sono protagonisti anche grandi solisti: i pianisti Andrea Lucchesini, Roberto Cominati, Alexander Melnikov, Bertrand Chamayou, Alessandro Taverna, Seong-Jin Cho, Stephen Hough, il giovane canadese Jan Lisiecki, che a ventidue anni è già considerato sommo interprete di Chopin, e il giovanissimo talento russo Alexander Malofeev, che a soli sedici anni ha già suonato con i direttori e le orchestre più prestigiose. Oltre a loro saranno ospiti i violinisti Sergej Krylov, James Ehnes, Ziyu He e i due più grandi violoncellisti italiani Mario Brunello ed Enrico Dindo. Molte le voci, a partire da quella del grande soprano bulgaro Krassimira Stoyanova, che nel primo concerto del 2018 (11 e 12 gennaio) propone il monologo della Marescialla dal Rosenkavalier e la scena finale dalla Salome di Richard Strauss; il mezzosoprano Michelle Breedt, che interpreta i Kindertotenlieder di Mahler; i The Swingle, protagonisti di un autentico capolavoro del secondo Novecento come Sinfonia di Luciano Berio, del quale ricorrono i cinquant’anni dalla prima esecuzione. Nello stesso concerto, diretto da John Axelrod, sarà festeggiato anche Leonard Bernstein, nei cent’anni dalla nascita. Il soprano Aga Mikolaj, il contralto Yulia Matochkina, il tenore Brenden Gunnell, il baritono Thomas Tatzle il Coro Filarmonico Ceco di Brno sono impegnati in Das Klagende Lied di Mahler; i soprani Bernarda Bobro e Sabina von Walter, il tenore Brenden Gunnell e il Coro Maghini cantano nella Sinfonia n. 2 Lobgesang di Mendelssohn.

Fuori abbonamento sono proposti tre concerti speciali in serata unica: il 23 dicembre James Conlon fa gli auguri al pubblico con il Concerto di Natale; il 2 febbraio John Axelrod sale sul podio del Concerto di Carnevale; mentre il 26 aprile sono protagoniste le prime parti dell’OSN Rai in veste di solisti, nella Festa dell’Orchestra diretta da Pietro Mianiti.

Vedi articolo originale


 

SALONE DEL LIBRO: RICERCA, TECNOLOGIA E INNOVAZIONE SUL PALCO RAI DEL LINGOTTO

Il comunicato stampa RAI per il progetto pilota che ha visto APIC come parte attiva e che ci auguriamo abbia un grande impatto sulla sensibilizzazione all'accessibilità delle disabilità sensoriali.

RAI: Percorsi museali accessibili per non vedenti e non udenti

Torino 22/05/2017 - 11:23

Presentato al Lingotto un progetto innovativo rivolto all’inclusione delle persone con disabilità per creare un percorso museale pilota, presso il Museo della Radio e della Televisione di Torino.
Un progetto comune a cura del Centro di Produzione Rai di Torino, Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica e Segretariato Sociale in collaborazione con il Politecnico di Torino e “Città della salute”.
“E’ dedicato ai non udenti e non vedenti- ha precisato Maria Mussi Bollini, dirigente Rai e responsabile del Museo della Radio e della Televisione- e s’inserisce in una politica di inclusione e accessibilità che l’Assessorato alla cultura di Torino sta promuovendo su tutti i musei del territorio”
Un programma sorprendente come hanno spiegato Aberto Morello, direttore del Crit e Carla Montuschi, del dipartimento di Otorinolaringoiatria della Citta della Salute e Scienza di Torino assieme al Prof. Roberto Albera Ordinario di Otorinolaringoiatria Dipartimento Scienze Chirurgiche.
I non vedenti saranno audio guidati dal tablet della teca: quando uno di loro si avvicina viene accolto con una frase di benvenuto, e quindi gli viene descritto il contenuto della teca e gli oggetti presenti mentre per i non udenti sarà disponibile un attore virtuale per le traduzioni in Lis. Per portatori di apparecchio acustico o impianto cocleare si intende implementare un sistema di trasmissione ad induzione magnetica accoppiata alla diffusione bluetooth ma “In un contesto piuttosto rumoroso – spiega la dottoressa Carla Montuschi- senza una facilitazione si guasterebbe il messaggio. Quindi – ha proseguito - le persone portatrici di impianto cocleare si devono in questo caso avvalere anche dell’audio lettura”.

Dalle parole alle immagini: il successo del primo laboratorio di visual storytelling per ragazzi sordi



Venerdì 19 maggio alle 16.30 nella palazzina del Polo Cittadino della Salute di Corso San Maurizio 4
– Torino si è tenuta la festa di fine laboratorio "Hey ti voglio raccontare " interamente finanziato da APIC Associazione Portatori Impianto Cocleare, che quest'anno ha avuto come valore aggiunto la partecipazione della fondazione Akusia ONLUS oltre alla ormai consolidata collaborazione con il Polo Cittadino della Salute del Comune di Torino.

Durante la festa sono stati consegnati gli attestati di partecipazione ai ragazzi.

Il progetto, Hey ti voglio raccontare... laboratorio di storytelling per ragazzi sordi è nato a dicembre 2016, grazie ad A.P.I.C., l’Associazione Portatori Impianto Cocleare di Torino e alla collaborazione di Fondazione Akusia Onlus, ente volto a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle problematiche relative alle patologie limitative delle capacità comunicative di qualsiasi genere.
Il laboratorio, che ha accompagnato il dopo scuola dei ragazzi, con una cadenza settimanale, sino ad aprile 2017, ha offerto loro un approccio alla lettura e al narrare piacevole e divertente, rafforzando la loro fantasia e le loro capacità creative ed espressive, cono lavori e discussioni di gruppo e giochi interattivi.
Grazie alla collaborazione con Fondazione Akusia Onlus, con cadenza mensile un illustratore professionista ha seguito i lavori dei ragazzi, dando vita a quattro racconti, partendo dalle loro idee. Trattando diversi temi, dalle relazioni, alle abilità personali, aI contributo che la società e il mondo degli udenti possono dare, alle piccole grandi vittorie di questi ragazzi.
Tutte le storie sono servite per stimolare il confronto e la condivisione, approfondendo tematiche psicologiche e sociali importanti per lo sviluppo dei giovani sordi e supportarli nelle interazioni quotidiane col mondo degli udenti.
Visitando la pagina web http://www.apic.torino.it/news/archivio-news/185-hey-ti-voglio-raccontare-laboratorio-di-storytelling-per-ragazzi-con-disabilita-uditiva.html si potranno reperire altre informazioni sul progetto appena concluso.

 

L’Associazione APIC - Associazione portatori Impianto Cocleare  è un’associazione a carattere volontario senza fini di lucro sorta a Torino nel 1998 ad opera di pazienti sordi profondi sottoposti ad intervento per impianto cocleare presso il Servizio di Audiologia e Foniatria dell'Ospedale Molinette.  L’Associazione costituisce un punto di riferimento, di aiuto reciproco e supporto per i portatori di impianto cocleare e per i candidati all’intervento, inoltre, promuove e favorisce iniziative che rendano migliore la qualità di vita dei pazienti, coinvolgendo nei progetti il personale medico e tecnico e sensibilizzando le strutture pubbliche – sanitarie e non – per un miglioramento dell’assistenza e per la diffusione dell’informazione su questo innovativo trattamento della sordità profonda. L'iscrizione all'A.P.I.C. è aperta a tutti e costituisce il modo più semplice per sostenere chi si adopera per tutelare i diritti dei non udenti favorendo la corretta conoscenza dell'impiego dell'impianto cocleare. www.apic.torino.it



La Fondazione Akusia ONLUS nasce per sostenere ed aiutare individui, associazioni e progetti finalizzati a migliorare la vita di chi affronta quotidianamente le disabilità comunicative, proponendosi anche come punto di riferimento verso tutti quei settori che si occupano di beneficenza e ricerca scientifica nel settore dell’ipoacusia. Promuove convegni, seminari, conferenze e dibattiti in collaborazione con Università, Ospedali e Centri di Ricerca, per dare una spinta concreta e diretta al miglioramento delle competenze relazionali e delle condizioni di vita dei soggetti affetti da patologie comunicative di qualsiasi genere, contribuendo così anche alla diffusione di cultura e conoscenze in questi ambiti. La Fondazione svolge inoltre attività finalizzate alla divulgazione dei propri scopi istituzionali: sensibilizzare l’opinione pubblica sulle problematiche relative alle patologie limitative delle capacità comunicative di qualsiasi genere, ivi compresa l’ipoacusia in ogni sua forma, e promuovere iniziative di raccolta fondi da destinare ad attività istituzionali. www.akusiaonlus.it



Il Polo Cittadino della Salute del Comune di Torino. La salute è una sfida centrale del nostro tempo in quanto stiamo scoprendo che, seppur circondati da una certa sicurezza riposta nelle tecnologie e da un aumento della speranza di vita, il progresso non ci rassicura più e che la “qualità del vivere” conta più della semplice sopravvivenza.
Anche il concetto di salute negli anni è notevolmente cambiato, un tempo significava principalmente “assenza di malattia” e la richiesta sociale era prettamente sanitaria, ma da diversi anni esso è cambiato e viene considerato come uno “stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia” (OMS) e, a partire da tale percezione, le persone fanno richieste molto più ampie e articolate.
Il Polo cittadino della Salute vuole essere uno spazio dove poter generare e costruire una visione d’insieme e rafforzare le azioni di aggregazioni con i diversi enti coinvolti, a vario titolo, nella programmazione della salute per un lavoro di comunità. Si configura come l’Ufficio Città sane del Comune di Torino che aderisce al Progetto Rete Città Sane – OMS, nazionale ed europeo. www.comune.torino.it/pass/salute/category/polo-cittadino-della-salute


 

 

Giocare con le parole, l'associazione Forword

L'associazione Forword, composta da adattatori dialoghisti, sottotitolatori e audiodescrittori è oggi una bella realtà nel campo della sottotitolazione e dell'audiodescrizione. L'APIC ha come obbiettivo un percorso di collaborazione al fine di rendere il più accessibile possibile alla disabilità sensoriale, la programmazione cinematografica e televisiva.

Ci sembra doveroso segnalare e supportare il grosso lavoro fino ad oggi svolto da questi instancabili ragazzi; visitando il loro sito e la loro pagina facebook sarà possibile rendersi conto di come siano sempre più centrali al giorno d'oggi le figure professionali in grado di accompagnare la disabilità verso la totale inclusione sociale.

Scarica la brochure FORWORD


 

"Più Cinema per Tutti" è su Facebook

L'APIC si è data tempo fa disponibile ad una collaborazione con l'Associazione Museo Nazionale del Cinema che con il sostegno della Compagnia di San Paolo sta sviluppando a Torino un’iniziativa dal titolo Più cinema per tutti, che intende favorire la fruizione cinematografica in sala da parte di chiunque abbia deficit della vista o dell’udito, attraverso proiezioni accessibili che non siano eventi speciali e “dedicati” ai disabili sensoriali, bensì parte della normale programmazione delle sale e rivolte a tutti (disabili sensoriali e non).
Più cinema per tutti prevede la resa accessibile – tramite audio descrizione per non vedenti e sottotitoli per non udenti – di almeno sette film, per un totale di quattordici proiezioni: cinque film di una rassegna curata dal Museo Nazionale del Cinema e dedicata a un autore del cinema italiano, e altri due film scelti con la partecipazione del pubblico.
Sulla PAGINA FACEBOOK che invitiamo a seguire e a far seguire, sono presenti tutte le informazioni sull'iniziativa.


 

Assemblea annuale a Torino dell’Apic

Dal portale IL MIO GIORNALE grazie al giornalista scientifico Ernesto Bodini, una bella recensione sull'assemblea dei soci APIC che si è tenuta sabato 25 marzo 2017 presso l'aula ORL di Audiologia e Foniatria della Citta della Salute e della Scienza di Torino.

Puntuale come ogni anno l’assemblea ordinaria dei soci Apic (Associazione Portatori Impianto cocleare), presieduta dal presidente Paolo De Luca, coadiuvato da Silvana Baroni Pesce, presidente onoraria della Associazione Famiglie Italiane Associate per la Difesa dei Diritti degli Audiolesi (Fiadda).
In un clima festoso e familiare i convenuti hanno seguito con molta attenzione il rendiconto delle attività promosse dall’associazione a loro favore nel corso del 2016, la cui intensità ha dato risalto ai molteplici aspetti. Tra i più significativi e concreti le azioni per “contrastare” la perdita dei diritti esigibili, ma in particolare il presidente ha dato luce alla istituzione dello “Sportello di Ascolto Spazio Apic”, dedicato ai temi della sordità in collaborazione con il Centro Impianti Cocleari della Struttura Complessa di Audiologia e Foniatria dell’ospedale Molinette, oltre ad un gruppo di volontari inseriti sin dal 2015. Molti gli incontri con i medici e il personale ospedaliero, ma anche tra i soci, con pazienti ricoverati, candidati e famigliari. Fattiva la presenza volontaria dell’Apic anche all’interno dell’ospedale torinese Martini per dialogare con i bambini e loro genitori in attesa di visite e controlli riabilitativi. Originale la creazione del Laboratorio di Storytelling “Hej ti voglio raccontare”, per ragazzi con disabilità uditiva, realizzato con il Polo della Salute del Comune di Torino; un’attività abilmente condotta dai giovani Eleonora Franco, Sara Morone e Daniele Del Priore, esperti nell’ambito dell’assistenza alla comunicazione con l’obiettivo di trasformare parole e suoni in immagini dalle ricadute di carattere psicologico e soprattutto di interazione.
Leggi l'articolo completo al seguente LINK


 

TONALITA' TANGIBILI - Peretti Griva e il pittorialismo italiano - Una mostra per tutti

Dall'8 febbraio all' 8 maggio 2017 è di scena il solito capolavoro, anche di accessibilità a cui ormai il Museo Nazionale del Cinema di Torino ci ha abituati!

La mostra TONALITA' TANGIBILI - Peretti Griva e il pittorialismo italiano, curata da Marco Antonetto e Dario Reteuna; la sezione Peretti Griva, da Giovanna Galante Garrone.
Il pittorialismo, felice manifestazione della fotografia d’arte, ebbe il suo momento di maggior splendore tra la fine dell’Ottocento e i primi vent’anni del Novecento. L’elemento di unità dei fotografi pittorialisti fu imposto da un preciso concetto estetico, al fine di legittimare la fotografia come espressione artistica alla stessa stregua della pittura o del disegno. A questi autori di grande talento è dedicata la mostra Tonalità Tangibili, primo, fra tutti, alla figura emblematica di Domenico Riccardo Peretti Griva e alle sue poetiche “impressioni fotografiche” che ci introducono nel mondo del pittorialismo. La mostra, prosegue alla Bibliomediateca Mario Gromo con un approfondimento su temi cari a Peretti Griva: paesaggi, ritratti e animali “amici”.

Il progetto è volto a facilitare l’accesso alle opere esposte in funzione delle diverse esigenze dei visitatori, a rendere il Museo più accogliente e l’esperienza di visita ancora più piacevole.

 E' possibile leggere l'articolo originale e le informazioni di accessibilità anche sul sito del Museo del Cinema di Torino, al seguente LINK.


In particolare per le persone con disabilità uditiva, portatori di protesi acustica o impianto cocleare, oltre all'esauriente presenza di numerosi pannelli ad alta leggibilità sul percorso, vi è la possibilità di collegarsi tramite cuffietta o laccio ad induzione personale (vi raccomandiamo di portarlo sempre con voi) all'allestimento presente ad inizio visita, dove sono state previste due uscite audio adatte alle prese cuffia più diffuse (3,5 mm). Per gli utenti provvisti di smartphone con lettore QRCode, grazie a diverse postazioni presenti vi è inoltre la possibilità di ascoltare le audiodescrizioni sul proprio telefono, integrate di sottotitoli e tradotte in LIS.


INFORMAZIONI AD ACCESSO FACILITATO

Per favorire la visita alla mostra saranno a disposizione del pubblico Informazioni ad Accesso Facilitato, posizionati in un apposito totem all’inizio del percorso espositivo e lungo la rampa.

Schede in consultazione:
- Pannelli ad alta leggibilità in italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo, russo, cinese;
- Pannelli con font Easyreading per dislessici in italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo;
- Testo facilitato in italiano e inglese;
- Testo in Braille in italiano, schema visivo-tattile del percorso espositivo e riproduzioni visivo-tattili di alcune opere rappresentative in mostra.

Contenuti attivabili tramite Qr code e NFC
Audio-video con interprete LIS (Lingua Italiana dei Segni), con sottotitoli e audio in italiano dei pannelli di mostra  

Riproduzioni visivo tattili di una selezione di opere
Pannelli visivo tattili posti lungo il percorso espositivo, corredati di commento di audio in italiano attivabili tramite QR/NFC. 

Etichette in Braille sul corrimano
Indicazioni sul percorso espositivo per i visitatori non vedenti.

Percorso multisensoriale sul Pittorialismo Italiano – Album da vedere, ascoltare, toccare.
Il libro, disponibile presso la Mole Antonelliana e la Bibliomediateca M. Gromo, raccoglie una selezione di fotografie tra quelle esposte in mostra: immagini da guardare e da toccare, descrizioni da leggere o da ascoltare. Il libro è per tutti, ma è rivolto anche alle persone non vedenti e ipovedenti. I non vedenti possono leggere con le dita le riproduzioni in rilievo e i testi in braille, e ascoltare la descrizione attivando i codici QR con il telefonino.


 

 

Filmaker Day 2017 - Il rumore della vittoria

Il Filmmaker Day è una rassegna cinematografica organizzata dall' A.C.S.D. ArtInMovimento. La giornata prevede una maratona ininterrotta di cortometraggi e lungometraggi provenienti da tutto il mondo.

DATA E ORA: ven 17 marzo 2017 dalle 13:30 alle 23:30
LOCATION: Teatro Giulia di Barolo, Piazza Santa Giulia 2 Bis - Torino - Visualizza Mappa

Cinema indipendente e non, si fondono per dare vita ad uno spazio creativo e ricorrente sul territorio Torinese.

All'interno della rassegna, alle 14:30 circa verrà proiettato anche un documentario realizzato da due giovani ragazzi sordi: IL RUMORE DELLA VITTORIA (al presente link il trailer ufficiale)

L'evento è gratuito. Per partecipare è necessario prenotare il posto a sedere (fino ad esaurimento posti) attraverso il link: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-filmmaker-day-maratona-cinematografica-gratuita-32411674190

Nella galleria adiacente la sala proiezione ci sarà la mostra fotografica dell'artista torinese Serena Debianchi.
Per informazioni www.filmmakerday.com


 



Fondazione AKUSIA onlus - Due impianti cocleari donati all’Ospedale di Addis Abeba

Nata con l’intento di sostenere iniziative volte a migliorare la vita di chi affronta quotidianamente le disabilità comunicative, la Fondazione AKUSIA ONLUS si propone anche come punto di riferimento verso tutti quei settori che si occupano di beneficenza e ricerca scientifica nel settore dell’ipoacusia.

In tal senso, è certamente degna di nota la recente donazione di due impianti cocleari all’Ospedale St. Paul di Addis Abeba, capitale dell’Etiopia, ciò che ha consentito di effettuare con successo il primo intervento del genere in quel Paese, su una ragazza di 11 anni

Nata con l’intento di sostenere iniziative volte a migliorare la vita di chi affronta quotidianamente le disabilità comunicative, la Fondazione AKUSIA ONLUS si propone anche come punto di riferimento verso tutti quei settori che si occupano di beneficenza e ricerca scientifica nel settore dell’ipoacusia.
In tal senso, è certamente degna di nota la recente donazione all’Ospedale St. Paul di Addis Abeba, capitale dell’Etiopia, di due impianti cocleari  l’orecchio artificiale elettronico in grado di ripristinare la percezione uditiva nelle persone con sordità profonda – ciò che ha consentito di effettuare con successo il primo intervento del genere nel Paese del Corno d’Africa, su una ragazza di 11 anni.
«Questa donazione – spiegano da AKUSIA – segna il primo passo concreto nella lotta alle patologie limitative della capacità di comunicazione in un contesto complesso quale quello dell’Etiopia e costituisce un gesto di solidarietà a favore del benessere delle popolazioni locali e una speranza di poter accedere a tecnologie sanitarie all’avanguardia».
L’iniziativa, va ricordato in conclusione, è stata resa possibile grazie alla collaborazione dell’Ambasciata d’Italia in Etiopia. (S.G.)

(Articolo tratto dal portale SUPERANDO.IT, al presente link è possibile leggere l'articolo originale)

Per ulteriori informazioni e approfondimenti: Ilaria Carfi ( Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. )


 

Tessera libera circolazione - Rinnovo 2017

Come comunicato sul portale del Servizio BIP del circuito 5T, i titoli di viaggio caricati sulle nuove smart card BIP di libera circolazione sono prossimi alla scadenza. Tutti gli utenti saranno avvisati con una comunicazione (lettera o e-mail) contenente le informazioni necessarie alle operazioni di ricarica e in tempo utile per il rinnovo del titolo.
Rinnovare il titolo di viaggio è semplice e gratuito: basta recarsi con la propria smart card BIP presso uno dei punti di ricarica e rivolgersi al personale dedicato per le operazioni di ricarica. La ricarica può essere effettuata da una persona di fiducia, senza necessità di delega scritta. 
Per approfondimenti, consultare la sezione F.A.Q. o contattare il Numero Verde di Regione Piemonte 800.333.444
Per saperne di più sulle nuove tessere regionali di libera circolazione, clicca qui


 

Incontro con l'Assessore alla Sanità della Regione Piemonte sullo sblocco dei fondi extra LEA

Il giorno 16 dicembre 2016, presso i locali dell’Assessorato della Sanità, in c.so Regina Margherita, 153 a Torino, si è tenuto l’incontro tra l’Assessore alla Sanità Dr. Saitta e i rappresentanti APIC Porricelli e Bechis, affiancati dai dirigenti medici Dott. Di Lisi e il Prof. Albera.
Alla riunione non erano presenti l’Assessore alle Politiche Sociali Dr. Ferrari e il Direttore del Settore Protesica Dr. Giorni, per sopraggiunti impegni.
Leggi il comunicato completo.


 

Hey ti voglio raccontare - Trasformare parole e suoni in immagini

Comunicato stampa sul laboratorio Hey ti voglio raccontare... laboratorio di storytelling per ragazzi sordi con cui l'A.P.I.C., l’Associazione Portatori Impianto Cocleare di Torino, in collaborazione assieme alla Fondazione Akusia Onlus e il Polo Cittadino della Salute del Comune di Torino annunciano l’inizio del primo laboratorio di visual storytelling rivolto ai giovani con disabilità uditiva delle scuole medie e superiori di Torino e provincia.


Il progetto,
Hey ti voglio raccontare... laboratorio di storytelling per ragazzi sordi, ha lo scopo di offrire un approccio alla lettura e al narrare piacevole e divertente, rafforzando la fantasia e le capacità creative ed espressive dei giovani attraverso lavori e discussioni di gruppo e giochi interattivi.

“Questo laboratorio esperienziale, dedicato al racconto tramite diversi strumenti narrativi (il fumetto, la storia, il fotoromanzo, ecc...) vuole stimolare nei giovani il piacere di leggere e di raccontare, partendo dalle loro potenzialità e dalle loro inclinazioni personali, sottolineando l'importanza che la lettura e la capacità di raccontare storie hanno nella vita e nello sviluppo.”, spiega Paolo De Luca, Presidente di APIC.

Grazie alla collaborazione con Fondazione Akusia Onlus, un illustratore seguirà i ragazzi in questo progetto, dando vita ai loro racconti e alle loro idee, realizzando dei libretti di racconti illustrati, che verranno stampati, esposti e diffusi tramite i diversi canali dell’Associazione quali scuole, ospedali ed enti locali.

Tutte le storie serviranno per stimolare il confronto e la condivisione, andando a toccare tematiche psicologiche e sociali importanti per lo sviluppo dei giovani sordi e supportarli nelle interazioni quotidiane col mondo degli udenti.

“Abbiamo scelto di fare parte di questo progetto perché crediamo nel lavoro di APIC e dei suoi volontari. Insieme, condividiamo l’obiettivo di migliorare la vita di chi affronta quotidianamente le disabilità comunicative e l’impegno per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle problematiche connesse a queste patologie”, ha affermato l’Avvocato Giuseppe Lomboni, Presidente di Fondazione Akusia Onlus.

Il laboratorio di visual storytelling inizierà venerdì 16 dicembre con una cadenza mensile all’interno del progetto, da ottobre 2016 ad aprile 2017, sarà completamente gratuito, e prevederà la consegna ai ragazzi di tutti i materiali realizzati durante il percorso svolto. Gli incontri si terranno presso la Palazzina del Polo Cittadino della Salute del Comune di Torino in c.so San Maurizio 4, il venerdì dalle ore 17,00 alle ore 18,30.

 

Fondazione Akusia Onlus

La Fondazione Akusia Onlus nasce per sostenere ed aiutare individui, associazioni e progetti finalizzati a migliorare la vita di chi affronta quotidianamente le disabilità comunicative, proponendosi anche come punto di riferimento verso tutti quei settori che si occupano di beneficenza e ricerca scientifica nel settore dell’ipoacusia. Promuove convegni, seminari, conferenze e dibattiti in collaborazione con Università, Ospedali e Centri di Ricerca, per dare una spinta concreta e diretta al miglioramento delle competenze relazionali e delle condizioni di vita dei soggetti affetti da patologie comunicative di qualsiasi genere, contribuendo così anche alla diffusione di cultura e conoscenze in questi ambiti. La Fondazione svolge inoltre attività finalizzate alla divulgazione dei propri scopi istituzionali: sensibilizzare l’opinione pubblica sulle problematiche relative alle patologie limitative delle capacità comunicative di qualsiasi genere, ivi compresa l’ipoacusia in ogni sua forma, e promuovere iniziative di raccolta fondi da destinare ad attività istituzionali. www.akusiaonlus.it

 

APIC – Associazione Portatori Impianto Cocleare

A.P.I.C. è un’associazione a carattere volontario senza fini di lucro sorta a Torino nel 1998 ad opera di pazienti sordi profondi sottoposti ad intervento per impianto cocleare presso il Servizio di Audiologia e Foniatria dell'Ospedale Molinette.  L’Associazione costituisce un punto di riferimento, di aiuto reciproco e supporto per i portatori di impianto cocleare e per i candidati all’intervento, inoltre, promuove e favorisce iniziative che rendano migliore la qualità di vita dei pazienti, coinvolgendo nei progetti il personale medico e tecnico e sensibilizzando le strutture pubbliche – sanitarie e non – per un miglioramento dell’assistenza e per la diffusione dell’informazione su questo innovativo trattamento della sordità profonda. L'iscrizione all'A.P.I.C. è aperta a tutti e costituisce il modo più semplice per sostenere chi si adopera per tutelare i diritti dei non udenti favorendo la corretta conoscenza dell'impiego dell'impianto cocleare. www.apic.torino.it

 

Polo Cittadino della Salute Comune di Torino

La salute è una sfida centrale del nostro tempo in quanto stiamo scoprendo che, seppur circondati da una certa sicurezza riposta nelle tecnologie e da un aumento della speranza di vita, il progresso non ci rassicura più e che la “qualità del vivere” conta più della semplice sopravvivenza.
Anche il concetto di salute negli anni è notevolmente cambiato, un tempo significava principalmente “assenza di malattia” e la richiesta sociale era prettamente sanitaria, ma da diversi anni esso è cambiato e viene considerato come uno “stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia” (OMS) e, a partire da tale percezione, le persone fanno richieste molto più ampie e articolate.
Il Polo cittadino della Salute vuole essere uno spazio dove poter generare e costruire una visione d’insieme e rafforzare le azioni di aggregazioni con i diversi enti coinvolti, a vario titolo, nella programmazione della salute per un lavoro di comunità. Si configura come l’Ufficio Città sane del Comune di Torino che aderisce al Progetto Rete Città Sane – OMS, nazionale ed europeo. www.comune.torino.it/pass/salute/category/polo-cittadino-della-salute

 

Contatti stampa
FleishmanHillard Italia
Gloria Gerosa. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. / 02 31804702 / 346 7963374
Laura Meroni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. / 02 31804707 / 335 7683270
Ilaria Carfì: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. / 02 31804709 / 346 7946219

Comunicato stampa in formato PDF

Articolo su Sordionline.com
Articolo su Okmedicina.it


 

 

Torino Film Festival - La resa accessibile è ben altra cosa

Dal portale Superando, riportiamo l'intervista-denuncia dell'APIC sull'ennesima edizione non accessibile del TFF appena concluso (è possibile accedere all'articolo originale al seguente LINK) . «Come si può dire – scrive Paolo De Luca – di prestare attenzione ai diritti delle persone con disabilità sensoriale, dichiarando che “Il ‘Torino Film Festival’, giunto alla sua trentaquattresima edizione, conferma la propria vocazione sociale, grazie alla resa accessibile di una proiezione del film di Gabriele Salvatores ‘Nirvana’”? Ebbene: il 34° “Torino Film Festival” ha presentato 158 lungometraggi, 17 medi e 38 corti, i film in concorso sono stati 15 da 13 diversi Paesi e per formare il programma sono stati visionati 400 film. Risultato: film con resa accessibile: UNO!»

Avevamo un sogno: leggere tre righe, ascoltare la voce di qualcuno che dicesse pane al pane e cioè che il TFF (Torino Film Festival), la cui trentaquattresima edizione si è svolta dal 18 al 26 novembre nel capoluogo piemontese, non è una manifestazione da resa accessibile. E allora vogliamo dirlo noi e per farlo useremo un espediente, iniziare cioè allo stesso modo in cui altri hanno finito (anche questo, forse, è un effetto cinematografico).

Il richiamo, del resto, è stato irresistibile: infatti l’articolo pubblicato nelle pagine Cultura & Spettacolo della «Stampa» del 16 novembre scorso è veramente esemplare per molti motivi, ma procediamo: «In centro città le letterone con i colori del TFF sono scomparse, segnale inequivocabile che è terminata la full immersione con la settima arte»…
A questo punto ci chiediamo come si possa ritenere di prestare attenzione ai diritti delle persone con disabilità sensoriale, dichiarando in vari comunicati quanto qui di seguito: «Il Torino Film Festival, giunto alla sua trentaquattresima edizione, conferma la propria vocazione sociale, grazie alla resa accessibile di una proiezione del film di Gabriele Salvatores Nirvana». Ebbene: il 34° TFF ha presentato 158 lungometraggi, 17 medi e 38corti, i film in concorso sono stati 15 da 13 diversi Paesi e per formare il programma sono stati visionati 400 film: film con resa accessibile: UNO!

Ci voleva lo staff di Chi l’ha visto? per scoprire qualche spettatore con disabilità sensoriale… Pensando poi ai film restaurati presentati durante il Festival e restando sempre in tema di restauri, ci viene in mente che come si fa per i “coccodrilli” nei cassetti, in attesa della scomparsa di qualche personaggio famoso, potevamo evitare di scrivere, bastava riprendere quanto detto alla fine del 2015 per la trentatreesima edizione del TFFsu queste stesse pagine (Una proiezione accessibile su 200!)sembra scritto ora.

Una novità, per altro, c’è stata e non da poco, volendo. Il “direttore ospite” (Guest DirectorGabriele Salvatores ha dichiarato in un comunicato che «l’importante iniziativa del TFF e di Torino + Cultura Accessibile è un atto di civiltà, che rende fruibili i film, e i prodotti audiovisivi in genere, alle persone che soffrono cronicamente o temporaneamente di problemi uditivi, visivi, cognitivi e di alfabetizzazione. Non solo, ma allarga anche il pubblico, aumentando la fruizione della cultura, e in particolare del cinema, del quale tutti noi sosteniamo e valorizziamo, oltre agli aspetti artistici, anche quelli educativi, di crescita e formazione». Chissà, sarà per questo che l’articolo a cui prima abbiamo “rubato” il finale si intitolava Il “Nirvana” di Salvatores cambia per conquistare più spettatori?…
Ma non si parlava di diritto all’accessibilità? E in tempi di nuova Legge sul cinema e di applicazione della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, l’“atto di civiltà” vale solo il sabato 26 novembre alle ore 14,30, ossia quando è stato proiettato il film di Salvatores?

Come APIC (Associazione Portatori Impianto Cocleare) siamo estremamente grati e riconoscenti per l’impegno in questo àmbito della Fondazione Carlo Molo, di Sub-Ti Access e del programma Torino + Cultura Accessibilecon il quale collaboriamo e siamo partner per iniziative sull’accessibilità e continueremo a farlo se coinvolti. Ma al tempo stesso invitiamo a riflettere su un cambio di passo, una nuova modalità affinché il Torino Film Festival, gli Enti collegati e tutta la filiera della produzione culturale (e non solo) si assumano realmente le responsabilità verso la resa accessibile per tutti, senza mostrare “coccardine per le allodole”, ovvero non “per conquistare”, ma per non negare diritti.

Cittadino con disabilità uditiva. Presidente dell’APIC (Associazione Portatori Impianto Cocleare).


 

Comunicato congiunto APIC-FIADDA in merito all'assistenza integrativa regionale per l'anno 2016 in tema di impianto cocleare e protesi impiantabili

A seguito alla richiesta di incontro richiesto dall'APIC il 10 Ottobre 2016 a cui successivamente si è associata l'associazione FIADDA Piemontein merito all'assistenza integrativa regionale per l'anno 2016 in tema di impianto cocleare e protesi impiantabili, i rappresentanti delle due associazioni il 17 novembre 2016 si sono incontrati con il dirigente responsabile del settore  Farmaceutico Integrativa e Protesica della Regione Piemonte, Dr. Giorni e i suoi collaboratori.
Le notizie interessano in particolare  le persone con disabilità uditiva e le famiglie residenti in Piemonte, una delle Regioni interessate al Piano di Rientro sanitario (in pratica commissariamento della Sanità), ma è utile la conoscenza da parte  di tutte/i.
Pensiamo che per il periodo restante del 2016 non cambierà niente quindi il nostro impegno comune APIC e FIADDA Piemonte è di vigilare per il 2017. 
Intanto viene ribadita la corretta  prassi da parte delle ASL per il ritiro delle richieste di fornitura con rilascio di certificazione.

Al presente link il comunicato congiunto APIC/FIADDA Piemonte


 



Tesi di laurea su: STRETCH TV - Progetto in collaborazione con la RAI

Con grandissima gioia l'APIC abbraccia e si complimenta per l'ennesima laurea della Dott.ssa Carla Monuschi, affettuosamente per noi semplicemente ... l'instancabile e l'inarrestabile Carlotta!
L'11 novembre ha discusso presso l'Università degli studi di Padova la sua tesi di laurea in Tecniche Audioprotesistiche conseguendo un bellissimo 110!
L'argomento voluto e trattato da Carlotta riguarda un tema che sta molto a cuore a chi ha problemi di udito, esso ha come obbiettivo lo sviluppo di una tecnologia in grado di migliorare la fruibilità dei programmi televisivi tramite rallentamenti audio/video.
Grazie Carlotta per la passione e l'impegno che hai messo anche in questo bellissimo progetto, da parte nostra faremo quanto ci è possibile per supportarti e fare in modo che questa novità 
diventi realtà al più presto!

STRETCH TV - Progetto in collaborazione con Rai per il miglioramento dell'intelligibilità dei programmi televisivi, a favore di telespettatori svantaggiati

Il progetto "Stretch TV", è stato realizzato in collaborazione con il Centro Ricerche ed Innovazione Tecnologica RAI di Torino ed il Segretariato Sociale RAI. L’obiettivo finale che ci si è posti è stato quello di sviluppare una tecnologia che permetta di migliorare la fruibilità dei programmi televisivi, mediante il loro rallentamento audio/video. Le categorie di telespettatori cui ci si è rivolti mediante questo progetto sono quelle definibili come “svantaggiate” ovvero: le persone con disabilità uditiva e/o cognitiva, le persone che presentano un rallentamento ideo motorio legato all’invecchiamento e gli stranieri che non parlano fluentemente la lingua italiana.
Leggi il riassunto completo della tesi


 

 

Pranzo sociale APIC 2016

Care/ieccoci al nostro annuale appuntamento, un evento che ci permette di chiudere l’anno insieme ,trascorrendo in modo conviviale una domenica dedicata a noi. Insieme a familiari, amici , per raccontare, commentare e stare bene.
In un ambiente accogliente che ci ha ospitato diverse volte  e questo renderà ancora più piacevole lo stare insieme.

Il pranzo sociale 2016 dell’APIC si svolgerà
domenica 11 Dicembre
presso il ristorante
Antico Casale - Corso Casale n°278 - 10132 Torino
(vedi mappa)

L’appuntamento è alle 11,30
Le D.sse Silvana Baroni e Liliana Cardone, racconteranno, dialogheranno fra loro e con tutte/i partecipanti  insieme a Paolo De Luca.
Non conferenza tradizionale ,ma vicende collettive e lotte personali che raccontano il percorso per uscire dal silenzio e dall’invisibilità per divenire conquiste per tutte/i.

Silvana Baroni fondatrice del centro AFA.Reul di Genova e presidente nazionale onoraria della FIADDA.
Liliana Cardone presidente ALI Associazione Ligure Ipoudenti
Paolo De Luca presidente dell’APIC

Inizio pranzo alle 13,00

Come di consueto si consegnerà l’attestato di benemerenza ai soci iscritti all’APIC da 5 anni  questo anno i nostri premiati saranno  le /i socie/i tesserati nel 2011.

Per prenotazioni e informazioni e mail :  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.   o telefonare al Cell. 347 2214082

Per maggiori informazioni e scaricare il volantino del pranzo sociale APIC cliccare sul presente link

Vedi la Photogallery del pranzo sociale APIC 2016


 

Progetto APIC sensibilizzazione sulle barriere uditive

"Progetto APIC sensibilizzazione sulle barriere uditive"

L’APIC Associazione Portatori Impianto Cocleare, nell'ambito dei progetti da attivare a seguito dell'assegnazione del contributo derivante dalla scelta dei cittadini sul 5 per mille relativo all'anno 2013 (al presente LINK la relazione), ha deliberato di destinare parte delle risorse per l'acquisto di apparecchiature atte al superamento delle barriere sensoriali che riguardano il deficit uditivo e /o sordità.
La tecnologia assistiva che favorisce il miglioramento della comunicazione  con le persone con disabilità uditiva che utilizzano Apparecchio Acustico/AA  o Impianto Cocleare/IC è molto  varia, tenendo conto dell’esperienza maturata come volontari operanti all’interno delle strutture pubbliche  abbiamo ritenuto che l’apparecchio  “Amplificatore portatile con sistema ad induzione magnetica” possa essere lo strumento adatto per tamponare molte situazioni critiche.
I pannelli portatili a induzione magnetica, scelti e messi in donazione sono utilizzabili senza particolari problemi sui banchi di accoglienza e informazioni, in modo da agevolare i portatori di protesi acustica e impianto Cocleare muniti di bobina TCOIL nella comprensione del parlato, soprattutto in locali dove il rumore di fondo può essere molto fastidioso, facendo in modo che le informazioni dell'addetto  siano più facilmente comprensibili.
Il progetto oltre ad agevolare le persone con problemi uditivi punta a promuovere l’uso delle tecnologie assistive, ormai utilizzate da un sempre crescente numero di persone e strutture, fino a diventare prassi ormai collaudate in moltissime nazioni non solo europee.

A tal fine sono state contattate le principali direzioni sanitarie regionali proponendo loro l’installazione del pannello sui banchi degli sportelli di accoglienza nei  principali presidi. Al momento sono state individuate dall’associazione 10 postazioni ideali:

Torino: Sportello Accoglienza dell’Ospedale Mauriziano: Consegnato il 17 Gennaio 2017 (Vedi la fotogallery)

Torino: Sportello Accoglienza del CTO: Consegnato il 24 Gennaio 2017 (Vedi la fotogallery)

Torino: Sportello CUP dell’Ospedale Martini: Consegnato il 12 Gennaio 2017 (Vedi la fotogallery)

Torino: Sportello Accoglienza dell’Ospedale Infantile Regina Margherita:
Consegnato il 23 Gennaio 2017 (Vedi la fotogallery)

Ivrea: Sportello Accoglienza dell’Ospedale di Ivrea: Consegnato il 20 Gennaio 2017 (Vedi la fotogallery)

Rivoli: Sportello CUP dell’Ospedale di Rivoli: Consegnato il 12 Gennaio 2017 

Torino: Sportello CUP dell’Ospedale Giovanni Bosco: Consegnato il 10 Gennaio 2017 (Vedi la fotogallery)

Torino: Sportello Accoglienza dell’Ospedale S. Anna: Consegnato il 23 Gennaio 2017 (Vedi la fotogallery)

Torino: Sportello Accoglienza dell’Ospedale Molinette: Consegnato il 19 Gennaio 2017 (Vedi la fotogallery)

Alessandria: Ambulatorio ORL dell’Azienda ospedaliera SS Antonio, Biagio e C. Arrigo di Alessandria:
Consegnato il 20 Gennaio 2017 (Vedi la fotogallery)

 

Documento del progetto in formato PDF



RASSEGNA STAMPA DEL PROGETTO:

Articolo su CRONACA QUI del 13 Gennaio 2017
Comunicato Stampa ASL TO2 del 13 Gennaio 2017
Articolo su LA STAMPA del 16 Gennaio 2017
Comunicato Stampa ASL TO4 del 23 Gennaio 2017
Articolo su OBIETTIVO NEWS del 23 gennaio 2017
Articolo su QUOTIDIANO CANAVESE del 24 gennaio 2017
Articolo su QUOTIDIANO SANITA' del 24 gennaio 2017
Articolo su LA SENTINELLA DEL CANAVESE del 25 gennaio 2017
Articolo su LA VOCE 12 ALLE 12 del 1 febbraio 2017
Articolo su OBIETTIVO NEWS del 24 febbraio 2017
Articolo sul blog STORIA DEI SORDI del 24 febbraio 2017
Articolo su IL TORINESE del 25 febbraio 2017


 

Questionario sull'accessibilità del disabile ai concerti

Riceviamo da Alice, studentessa presso l'università Bocconi, e volentieri condividiamo:
Vi scrivo perchè la mia tesi di laurea è volta a indagare la fruizione di cultura e intrattenimento per persone con disabilità e in particolare l'accessibilità dei concerti in Italia. Per la mia ricerca, sto cercando di somministrare un breve questionario a persone in tutta Italia. L'argomento è l'accessibilità dei concerti in Italia, come è spiegato nella pagina di apertura. Può compilarlo chiunque abbia una disabilità (di qualsiasi tipo), anche facendosi aiutare da qualcuno. Possono compilarlo anche gli accompagnatori, cercando di immedesimarsi in una persona con disabilità che abbiano assistito e rispondendo dunque dal suo punto di vista. Ovviamente il questionario è anonimo e ci vogliono solo un paio di minuti per la compilazione. Un software raccoglie in automatico le risposte, perciò non c'è bisogno che mi venga rinviato nulla.

VAI AL QUESTIONARIO


 

Richiesta di incontro con la Regione Piemonte in merito all'assistenza integrativa regionale per l'anno 2016 in tema di impianto cocleare e protesi impiantabili

L'APIC ci riprova, almeno per onorare l'impegno con gli associati e i cittadini che hanno segnalato disagi e rilevato confusione e dinieghi spesso senza fondamento o forse attivati contando su ignoranza, stanchezza e necessità. Ormai il 2016 va verso la conclusione ma i diritti non vanno in vacanza e una risposta è dovuta, chissà se arriverà, intanto la distanza fra amministrati e governanti si allarga.......
I temi di cui l’APIC vorrebbe dibattere al più presto con l'Assessore della Sanità dr. Antonio Saitta e quello delle Politiche Sociali della Regione Piemonte dr. Augusto Ferrari, sono la riforma dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) - in ragione della quale, ad esempio, le audioprotesi digitali sono oramai ricomprese nell’assistenza essenziale nazionale – e, in particolare, in merito all’Assistenza Integrativa Regionale (EXTRA-LEA) in tema di Impianto Cocleare e Protesi ImpiantabiliL’APIC cosciente delle difficoltà istituzionali e economiche con cui si deve confrontare la Regione Piemonte a seguito degli obiettivi di risanamento determinati dal piano di rientro, sulla cui obbligatorietà si è anche espressa la Corte Costituzionale, ritiene tuttavia che la situazione attuale sia insostenibile, in quanto è stato di fatto eliminato un servizio precedentemente garantito e ritenuto “essenziale” nel territorio piemontese.... 

Leggi il comunicato completo


 

 

BUON INZIO laboratorio!!! Raccontateci tante Storie

Carissime/i oggi è una giornata molto particolare , l'inizio di un viaggio, di una esperienza e di un percorso che nel suo piccolo significa una grande conquista. 
Alle ragazze ai ragazzi che partecipano al Laboratorio Hey ti voglio raccontare, rivolgo il mio grazie personale , del consiglio direttivo e di tutta l'APIC per quanto ci state donando e per la bella occasione che ci date, per dimostrare che superare certe difficoltà è possibile aprendosi alle novità, non rinchiudendosi negli spazi conosciuti e sicuri.
Ringrazio le famiglie delle/i ragazze/i che hanno aderito.  
Ringrazio  la Fondazione Akusia per aver creduto  nel lavoro di tutte/i Voi e nella tenacia e tenerezza di Daniele, Eleonora e Sara a cui invio un grande In Bocca al Lupo, all'illustratrice/tore che parteciperà al laboratorio
Un ringraziamento particolare ai responsabili del Polo della Salute della Città di Torino, dove per il secondo anno consecutivo presso i locali della palazzina di Corso S. Maurizio si svolge l'attività. 

GRAZIE e buon INIZIO

Paolo De Luca 
Presidente dell'APIC Associazione portatori Impianto Cocleare
e Consiglio Direttivo.


 

Superando.it su progetto "Hey, ti voglio raccontare"

Da tempo impegnata in progetti di sensibilizzazione e integrazione di bambini e ragazzi con disabilità uditiva nel contesto scolastico, l’APIC di Torino (Associazione Portatori Impianto Cocleare) propone per quest’anno “Hey ti voglio raccontare… Laboratorio di storytelling per ragazzi sordi”, iniziativa da svolgersi in orario extrascolastico, dedicata al racconto, tramite diversi strumenti narrativi, per stimolare nei giovani sordi il piacere di leggere e appunto di raccontare (e raccontarsi), in un ambiente diverso da quello familiare e scolastico... 
Leggi l'articolo completo su Superando.it


 

Accessibilità e Programma d’Azione: criticità e priorità

Dal portale Superando
Nonostante quanto sancito nel 2013 dal primo Programma di Azione Biennale per la Promozione dei Diritti e l’Integrazione delle Persone con Disabilità, la situazione nel nostro Paese, in tema di accessibilità, barriere architettoniche e progettazione universale, è rimasta sostanzialmente ferma, in particolare dal punto di visto culturale e legislativo, confermando un quadro “antico” e assai poco in linea con la Convenzione ONU. Con questo ampio approfondimento curato da Fabrizio Mezzalana, in vista del nuovo Programma di Azione Biennale, delineiamo le varie criticità e anche alcune imprescindibili priorità. Un bilancio su quanto è stato attuato e le priorità delle azioni in tema di accessibilità, alla luce del secondo Programma di Azione Biennale, presentato nei giorni scorsi alla Conferenza Nazionale di Firenze.
Nei documenti preparatori di quest’ultima, il bilancio che emerge è netto e inequivocabile: «Nel biennio di riferimento del Programma Biennale tali indicazioni non hanno fatto registrare alcun avanzamento». Ovvero, in tema di accessibilità, barriere architettoniche e progettazione universale, la situazione è rimasta ferma, immobile e non c’è stato quindi alcun miglioramento, in particolare per quanto riguarda l’accessibilità architettonica....Leggi l'articolo completo


 

Hey ti voglio raccontare, laboratorio di storytelling per ragazzi con disabilità uditiva

…e la storia continua!

L’Associazione APIC, a seguito della positiva esperienza del laboratorio realizzato l’anno scorso e dedicato al lavoro con le fiabe, propone il proseguimento dell’attività anche nell’anno 2016/2017.

Il nuovo laboratorio si focalizzerà sul racconto di storie, sulla promozione della lettura e sul lavoro riguardante le tematiche emerse dalle storie stesse. Oltre alla fiaba, verranno incluse altre metodologie di narrazione quali il fumetto, il racconto, il fotoromanzo, il romanzo e ogni altra forma che risulti significativa e accattivante per i ragazzi.

 Hey, ti voglio raccontare…

per promuovere la capacità narrativa, scoprire il piacere della lettura, stimolare l’espressività, la fantasia e il pensiero critico, supportare la socializzazione con i pari…

 I partecipanti saranno coinvolti in diverse attività di gruppo: letture in cerchio, discussioni critiche, produzione di storie e racconti su tematiche portate direttamente dai ragazzi tramite strumenti narrativi differenti, momenti di teatro, role-play e attività inerenti le tematiche affrontate attraverso le storie. Tutte le storie e il materiale narrativo prodotto verranno rilegati e donati ai partecipanti al termine del laboratorio.

 Gli incontri saranno tenuti da tre psicologi con qualifica di assistente alla comunicazione. Come novità di quest'anno, grazie alla gentile collaborazione offerta da Fondazione Akusia Onlus, sarà presente a quattro incontri all'interno del percorso un illustratorecon l'obiettivo di creare insieme ai ragazzi dei libretti con alcuni racconti illustrati, che verranno stampati, esposti e diffusi tramite diversi canali che verranno più avanti rivelati.

Il laboratorio sarà completamente gratuito!

Il laboratorio è rivolto a un gruppo di massimo 15 ragazze/i con disabilità uditiva, delle scuole medie e delle scuole superiori.

Il laboratorio si svolgerà con cadenza settimanale, al pomeriggio, a partire da Ottobre 2016 fino a Aprile 2017, presso la palazzina del Polo cittadino  della Salute in c.so San Maurizio 4 (Torino).

Per Informazione e iscrizioni : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. m
Dott. Daniele Del Priore tel: 340.5761935
APIC Associazione Portatori Impianto Cocleare : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

SCARICA LA LOCANDINA FORMATO A4
SCARICA LA LOCANDINA FORMATO A3

Pagina Facebook del progetto
Articolo su Superando.it
Articolo su Vol.To Live
Pubblicazione su Tam Tam volontariato del 29 settembre 2016 (pagina 11)
Articolo su Sordi online
Articolo su CPD Consulta per le persone in difficoltà
Comunicato stampa sul laboratorio
Rassegna stampa del laboratorio

VIDEO DI DIANA BEJAN SUL LABORATORIO


 

Quando la solidarietà non ha confini

Un bell'articolo su una bellissima iniziativa dell'ORL Ospedale Martini - ASLTO1; raccontata da Ernesto Bodini.
Grazie alla sinergica collaborazione tra Ente Ospedaliero, Associazioni di Volontariato e il sostegno del Consolato, alcuni bambini bielorussi affetti da gravi problemi di udito, hanno potuto fruire di una visita specialistica per verificare lo stato di salute attuale, ed avere le opportune indicazioni terapeutiche.... Leggi l'articolo sul blog di Ernesto Bodini.


 

L'impianto cocleare su Super Quark

 

Un bel servizio sull'impianto cocleare, durante la trasmissione di Piero Angela, Super Quark è andato in onda il 3 settembre 2016. Tra gli intervistati il dott. Di Lisi e la dott.ssa Consolino del C.I.A.O. - Ospedale Martini di Torino.

Al seguente link la trasmissione integrale. Il servizio inizia da 01.01.00 circa in poi.
Buona Visione!


 

 

Il terremoto “con una paura in più”

 

Dal Portale Superando, un articolo di Stefano Borgato.
C’è sempre “una paura in più” per le persone con disabilità – motoria, cognitiva o sensoriale – direttamente coinvolte in eventi come il terremoto che ha colpito in questi giorni il Centro Italia, ma le tante iniziative di questi ultimi anni, sia a livello nazionale che internazionale, volte a metterne in luce le particolari necessità in situazioni di catastrofi ed emergenze, hanno ampliato positivamente il quadro delle possibilità di intervento.....Leggi tutto


 

 

Chiusura estiva 2016 dello Sportello di ascolto APIC

Lo sportello di ascolto APIC rimarrà chiuso per la pausa estiva 2016 da Venerdì 22 luglio a venerdì 2 settembre compresi.
Giovedì 21 luglio si osserverà un orario ridotto per altri sopraggiunti impegni.
Si riprenderà la normale attività lunedi 5 settembre.
Nel periodo di chiusura è comunque possibile se necessario concordare la presenza di un volontario scrivendo alla nostra mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Buone vacanze a tutti!!!!!


 

HECHO EN CUBA! - Una mostra VERAMENTE per tutti

Il 2 luglio 2016 una bella comitiva APIC ha visitato il Museo del Cinema e più precisamente le installazioni della mostra HECHO EN CUBA! disposte in un'ambientazione a dir poco, spettacolare.
I partecipanti hanno potuto rendersi consapevoli che nell'organizzazione è stato tenuto conto di tutti i tipi di disabilità; insomma una mattinata istruttiva e divertente che non poteva che terminare con un'ascensione sul terrazzino della nostra meravigliosa Mole Antonelliana.
Un grazie al settore Didattica del Museo che ci ha invitati e agevolati nell'organizzazione e naturalmente un grosso grazie a tutto il personale presente nelle sale, sempre disponibile, gentile  e attento a ogni esigenza del visitatore.
Per finire, date un' occhiata  alla photogallery della giornata!!!

Precedente articolo su questo argomento:
MUSEO DEL CINEMA, HECHO EN CUBA! - Una mostra per tutti


 

Saluto ai ragazzi del Laboratorio di fiabe

Un ringraziamento al Sig. Andrea Maria Codebò dell'azienda Codebò ascensori  per la generosa donazione all’APIC con la quale ha contribuito al finanziamento del  Laboratorio di Fiabe per bambini con disabilità uditiva e a tutto Il Polo cittadino della Salute, responsabile Sig. Pasquale Salerno, che ci ha donato la disponibilità dei locali della sede rendendo possibile il progetto.
A settembre 2015 quando abbiamo lanciato il progetto Laboratorio di Fiabe , nel numero speciale di Inform@Apic (n°7) scrivevamo :……”ci interessa che il bambino con disabilità uditiva possa trarre piacevolezza e curiosità nel leggere e stare bene . Le cose sono complesse? Vero per questo non rendiamole più complicate , cercheremo di ottenere questo obiettivo. In corso d’opera e soprattutto alla fine capiremo se ci siamo riusciti e lo sapremo tutti insieme, conduttori, bambini e famiglie e potremo prendere coscienza su cosa bisogna migliorare nell’evenienza di una possibile continuità del Laboratorio di Fiabe. “

Leggi tutto (formato pdf)


 

3,10 e 17 giugno 2016: raccolta Indumenti per il Kurdistan iracheno

L'AOU Citta della Salute e della Scienza di Torino organizza una raccolta indumenti per il Kurdistan iracheno, per uomo, donna e bambini, coperte, piumini, scarpe in buono stato e articoli di igiene personale: saponette, dentifrici, spazzole, spazzolini da denti, creme, shampoo, ed altro, i giorni 3 - 10 - 17 Giugno 2016 dalle ore 10.00 alle ore 16.00 presso l'Atrio Centrale delle Molinette saranno presenti volontari per accompagnarvi al container dedicato alla raccolta.
Scarica la locandina.

International Help è una Onlus nata nel 1995. Attualmente segue progetti in Afghanistan, Cuba, Etiopia, Guatemala, e Kurdistan irakeno.
L'Associazione non ha spese di apparato. I costi dei viaggi sono a carico dei cooperanti. Gli uffici sono le nostre case. Ogni euro ricevuto viene consegnato a chi ne ha bisogno.
In Kurdistan irakeno, abitato da poco più di 5 milioni di abitanti, sono giunti negli ultimi due anni quasi 2 milioni di rifugiati vittime dell'ISIS. Gente che in una notte ha perso la casa, il lavoro, i denari, la posizione sociale, a volte i familiari, e che sopravvive solo grazie alla solidarietà del popolo Kurdo e delle organizzazioni internazionali. In particolare i cristiani hanno dovuto abbandonare la piana di Ninive, culla del cristianesimo. Sulle chiese cristiane sventola ora la bandiera nera. Si tratta del più massivo spostamento forzato di esseri umani dopo la seconda guerra mondiale.

A raccolta conclusa ci è giunto il presente testo di ringraziamento che volentieri pubblichiamo:
Care/i, la raccolta di vestiti, scarpe, dotazioni igieniche ecc. a favore de rifugiati in Kurdistan irakeno, vittime dell’Isis effettuata nelle scorse settimane presso l’ospedale Molinette ha avuto grande successo. Sono tantissime le persone, operatori sanitari, visitatori, amici dell’associazione che, facendosi carico di pesi non indifferenti hanno contribuito all’impresa portando doni selezionati, di ottima qualità. Li abbiamo stivati per ora nei locali attigui alla cappella interna dell’ospedale. Al più presto li trasporteremo in un altro locale e contiamo d’inviarli in Kurdistan entro l’estate insieme a preziose apparecchiature mediche. 

Ringraziamo di cuore la Città della Salute, e il suo Ufficio Relazioni Pubbliche, le organizzazioni sindacali, il personale religioso e laico della chiesa e soprattutto voi, che avete colto con intuitiva generosità il dramma di un popolo dolente. 

Inoltre cresce il rapporto fra la Città della Salute e l’Autorità autonoma del Kurdistan irakeno, dopo l’incontro dello scorso febbraio fra la Direzione dell’Azienda e il sindaco di Kirkuk. L’Ambasciata Kurda ha richiesto all’Azienda di formare a Torino personale medico e infermieristico nel settore della terapia intensiva.  L’accoglienza della richiesta rafforzerà ulteriormente i legami fra la nostra città e il popolo Kurdo, già formalizzati con il patto di partnership solidale ed economica siglato a febbraio fra Torino e Kirkuk. 

Continueremo a tenervi informate/i sulle nostre iniziative. 
A presto! 
International Help.


 

Le persone sorde uguali davanti ai diritti

Le persone sorde sono uguali davanti ai loro diritti solo su un piano formale. 
In vista delle prossime elezioni a Sindaco della Città di Torino, le maggiori associazioni di tutela e supporto delle persone affette dadisabilità uditiva, qui in rigoroso ordine alfabetico:

- APIC - Associazione Portatori Impianto Cocleare
- ENS - Ente Nazionale Sordi
- FIADDA Piemonte - Famiglie Italiane Associate per la Difesa dei Diritti degli Audiolesi
- insieme ad un nutrito gruppo di genitori raccolti in Comitato Spontaneo Genitori Disabili Sensoriali

hanno sottoscritto un documento comune che fissa i punti sostanziali che i candidati a Sindaco di Torino possono sottoscrivere come impegno pratico nel prossimo mandato dal momento che:

  • c'è bisogno di sostenere nella pratica i diritti delle persone sorde, oltre ai discorsi formali
  • bisogna consentire e predisporre l'ambiente più inclusivo possibile in grado di rispondere alle esigenze dei ragazzi/e e degli adulti sordi, alle scelte individuali e delle famiglie, secondo il principio che, a partire dai propri bisogni e dalla propria condizione, ogni persona sorda è uguale davanti ai propri diritti di essere supportata nelle possibilità comunicative e inclusive, sia nella comunicazione verbale che in Lingua dei Segni Italiana, nella scuola come in ogni altro ambito sociale e comunitario

I punti pratici completi sono elencati nel documento che è disponibile qui: Lettera_FIADDA_ENS_APIC_candidati_sindaco_torino

Chiediamo un impegno scritto e pubblico a tutti i candidati a supportare l'applicazione dei diritti dei cittadini, e a sostenere i punti pratici esposti nel documento dei genitori e delle associazioni, a prescindere dall'opportunità e dall'appartenenza politica, ma a partire dal diritto delle persone con disabilità sensoriale.

Da sempre convinti della partecipazione attiva e inclusiva di tutte/i, ti chiediamo di:

Le tre associazioni e i genitori danno appuntamento ai candidati sindaci e a chi vorrà supportarci sabato 14 maggio presso la biblioteca di via Lombroso 16 a Torino dalle 11 alle 12.30

Grazie a nome di tutte le persone sorde dai genitori e da FIADDA Piemonte, ENS e APIC,  associazioni di difesa dei diritti delle persone sorde

 

Risultati della campagna di sensibilizzazione aggiornamento su petizione "Le persone sorde sono uguali davanti ai loro diritti" :

ovvero : le persone sorde uguali davanti ai diritti

Campagna sensibilizzazione "Le persone sorde uguali davanti ai diritti" » Sordionline

Le persone sorde uguali davanti ai diritti


 

Da ASL TO1 - (Ri)costruiamo l'Azienda Sanitaria

Compila il questionario Online (entro il 15 maggio 2016)
L'Azienda Sanitaria ASL TO1 ha iniziato un percorso di riorganizzazione, adottando il modello per intensità di cura. Un cambiamento importante che ha come elemento guida la centralità del paziente, attorno al quale si muoveranno i professionisti e si aggregheranno le tecnologie di cui la struttura dispone.
Il presente questionario si propone di evidenziare i punti di forza e debolezza dell'attuale sistema sanitario da utilizzare come base di partenza per questa evoluzione.
A partire da questo contesto è nata una collaborazione a fini di ricerca tra il prof. Luigi Bollani (professore aggregato di Statistica Sociale) e la direzione strategica dell’Azienda Sanitaria ASL TO1.

“Primo passo di questa ricerca consiste nella predisposizione e somministrazione di un questionario utile per realizzare un’indagine di opinione rivolta ai cittadini sui punti di forza e di debolezza dell'attuale sistema sanitario”, afferma il prof. Bollani. Il questionario è stato predisposto nell’ambito del corso di Statistica Sociale di Economia e Management dell’Università degli Studi di Torino. Entusiasta la partecipazione degli studenti coinvolti, che commentano di essersi impegnati attivamente per contribuire a “ricostruire” l’Azienda Sanitaria. “I risultati di tale indagine, frutto di una sinergia tra Azienda Sanitaria e Università, saranno utilizzati come chiave di lettura del Piano Strategico Triennale dell’ASL To1”, dice il Direttore Generale, dott. Giovanni Maria Soro.

Si invitano i cittadini e gli operatori a compilare il questionario entro il 15 maggio 2016, collegandosi al link: 
https://docs.google.com/forms/d/1A29PzFL9zSIV6kqkT8nx_0wOOxwkItcYMtxoF1Hvi5o/viewform

Per ulteriori informazioni: dott.ssa Chiara Masia - Staff Direzione Area Comunicazione 335.5969171


 

Il mondo del “deficit uditivo” non è invalicabile

Un bell'articolo del giornalista scientifico Ernesto Bodini:
Una giornata nell’ambulatorio di Audiologia dell’Ospedale Martini di Torino. Visite, controlli audiometrici e colloqui di carattere medico-sanitario ma dalla impostazione affettivo-relazionale, sia con i piccoli pazienti (che con i loro genitori) e anche con i pazienti adulti. Un “effetto” compliance di sicuro successo medico e psicologico.
Vedi l'articolo completo su ILMIOGIORNALE.ORG

 


 

ASL TO1 e ASL TO5: SOVRACUP anche in FARMACIA

ASL TO1 e ASL TO5: Sarà possibile dal prossimo 18 aprile prenotare i propri esami e le visite e ritirare i referti direttamente dal vostro farmacista. 

Parte il prossimo 18 aprile il nuovo servizio di prenotazione e ritiro referti in farmacia. Federfarma Torino, l’ASL TO1 e l‘ASL TO5 hanno definito i contenuti del progetto di estensione alle farmacie del servizio di ritiro referti e prenotazione telematica del SOVRACUP delle prestazioni specialistiche ambulatoriali. 
L’accordo prevede la possibilità per l’utente di recarsi in farmacia per ritirare i referti degli esami clinici, prenotare visite, prestazioni specialistiche ambulatoriali e di diagnostica strumentale attraverso il medesimo applicativo - REMEDES - utilizzato nella rete SOVRACUP, che gestisce le agende sul territorio dell’intera provincia. 
Il servizio sarà gestito direttamente dalla farmacia, a fronte di un minimo contributo economico: 2 euro per singola ricetta, referto o variazione; 3 euro in caso di effettuazione di prenotazione e ritiro nella medesima farmacia. L'eventuale disdetta è invece a titolo gratuito. 

Comunicato stampa
Lista farmacie aderenti ASLTO1
Lista farmacie aderenti ASLTO5


 

Convegno ASI 2016 - “Affrontare la sordità: il rapporto uomo-tecnologia nell’era moderna”

L'Associazione ASI – Affrontiamo la Sordità Insieme Onlus, insieme a Le Eli-Che, servizio dell'Università degli Studi di Parma per studenti con disabilità, in collaborazione con il Forum ASI – Impianto Cocleare, organizzano la terza edizione di questo convegno regionale dell'Emilia-Romagna. Si tratta di un incontro di informazione e di riflessione sulle problematiche legate alla sordità e alla sua riabilitazione.

Intervengono persone che vivono ogni giorno a contatto con questa disabilità: medici, pedagogisti, tecnici, professionisti, istituzioni ed associazioni. L'obiettivo è quello di aggiornare sulle metodiche riabilitative della sordità nell'era contemporanea, e di valutare ciò che è necessario fare per rendere sempre più inclusivo ed efficace il progetto di vita delle persone non udenti.

 

REPORT relativo alla partecipazione e al contributo dell’APIC

Nella giornata di sabato 9 aprile 2016 si è tenuto a Parma, presso la Facoltà di Medicina dell’Università degli studi di Parma, il 3° convegno regionale dell’Associazione ASI Onlus.

Il titolo del convegno era il seguente: “Affrontare la sordità: il rapporto uomo-tecnologia nell’era moderna” (si allega il programma).

 

L’Associazione APIC è stata invitata a partecipare ed è intervenuta, in particolare, in due momenti:

  1. incontro delle associazioni invitate e presenti, allo scopo, essenzialmente, di stabilire maggiori punti di contatto (sinergie) e di prevedere la possibilità di fare “rete insieme” (formalmente e informalmente).

Il suddetto incontro si è sviluppato in due fasi: la prima, informale, allo scopo di valutare i punti di coesione; la seconda, formale, all’interno della tavola rotonda dedicata alle associazioni.

Durante tale riunione sono state trattate tre principali tematiche:

1.opinione sull’impianto cocleare: opportunità, diritto?;

2. Opinione su cosa manca, in primis, nel servizio sanitario ospedaliero;

3 Opinione sulle difficoltà in merito all’inserimento lavorativo delle persone disabili.

 

Le associazioni hanno esposto le loro rispettive opinioni. Nonostante le specificità di ogni associazione e di ognuna delle loro esperienze, si è chiaramente delineata una visione comune, di intenti e di prospettive, su OGNUNO dei suddetti tre punti.

 

  1. partecipazione alla tavola rotonda “Proposta: testo unico per il riconoscimento dell'invalidità legata alla sordità”.

A tale tavola hanno partecipato Domenico Pinto (Presidente ASI) e Danilo Comba (socio APIC) il quale ha presentato il proprio contributo avvalendosi, inoltre, di alcune diapositive (slides).

La presentazione ha permesso di avanzare alcune riflessioni sull’utilità di riformare il quadro normativo attuale (frammentato e farraginoso) sotto tre punti di vista:

  1. per una maggiore chiarezza;
  2. per una maggiore effettività della tutela;
  3. per un ammodernamento della disciplina, anche in ragione degli sviluppi tecnologici occorsi dagli anni ’70.

L’idea di presentare un “Testo Unico” ha sollevato l’attenzione, l’interesse e la critica dei partecipanti, ivi compresa di alcuni giornalisti presenti per la stampa nazionale:
Corriere della Sera
La Voce del Trentino

Sordionline


 

MUSEO DEL CINEMA, HECHO EN CUBA! - Una mostra per tutti

Il Museo del Cinema, nell'ambito dell'ormai consolidato progetto "Un museo per tutti" da la possibilità all'APIC di organizzare un gruppo di visita alla mostra temporanea "Echo en Cuba, il cinema nella grafica cubana", accessibile a tutti i tipi di disabilità.

Informazioni ad Accesso Facilitato:
Per favorire la visita alla mostra sono a disposizione Informazioni ad Accesso Facilitato (Facility Access Information), posti in un apposito totem all’inizio del percorso espositivo:

  • Pannelli in italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo, russo, cinese ad alta leggibilità
  • Pannelli in italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo con font Easyreading per dislessici
  • Testo facilitato in italiano e inglese
  • Testo in Braille in italiano. Schema visivo-tattile del percorso espositivo

Inoltre sono disponibili i contenuti attivabili tramite Qr code e NFC

Una buona occasione per visitare il Museo e la Mole, il referente è il socio Davide Bechis che raccoglie le disponibilità e in base alle adesioni pervenute programmerà la visita in collaborazione con la Responsabile Servizi Educativi del Museo.

Potete comunicare l'adesione con oggetto "Visita Museo Cinema" indicando se possibile preferenza di orario a:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  


 

Parrocchia Santa Croce - La prima chiesa a Torino attrezzata con sistema ad induzione magnetica

 

Siamo venuti a conoscenza tramite una nostra socia della bellissima iniziativa avviata dalla Parrocchia Santa Croce di Torino in via Gattinara, 12. Nella chiesa è attiva per una fase sperimentale un'area area ad induzione magnetica (o telecoil) utile per coloro che portano le protesi (o apparecchi) acustiche. Come descritto sul sito della parrocchia da cui riportiamo l'informazione: tale area è segnalata da appositi cartelli affissi alle colonne contenente il simbolo qui riprodotto. Invitiamo coloro che sono interessati ad aiutarci a capire se tale impianto porta qualche giovamento. Si tenga presente che alcuni apparecchi necessitano di essere impostati, mentre altri si attivano automaticamente. Invitiamo anche a documentarsi presso i propri punti vendita su come collegarsi a questo tipo di apparecchiature.
Complimentandoci per l'iniziativa, che cercheremo di  promuovere con tutti i mezzi a nostra disposizione, nel più breve tempo possibile prenderemo contatti con i responsabili della parrocchia.


 

Sondaggio di gradimento APIC - Risultati al 20 marzo 2016

E' stato promosso tra i soci APIC un sondaggio di gradimento dal quale prenderemo sicuramente spunto per migliorare le nostre attività e correggere eventuali lacune che ci verranno segnalate.
Attualmente il sondaggio è ancora aperto, ed è riservato ai soci in regola con l'iscrizione 2016. 
Nel caso vi fosse sfuggita l'iniziativa, potete richiedere la partecipazione inviando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. eseguite le verifiche, vi verrà inviato un link dal quale via web, potrete compilare il questionario in forma anonima.
Cliccando sull'immagine sottostante è possibile prendere visione dei risultati parziali, aggiornati alla data dell'assemblea dei soci 19 marzo 2016.


 

Affidato pannello portatile in prestito allo sportello di accoglienza delle Molinette

L'APIC per tamponare e sensibilizzare sull'attuale mancanza di ausili riguardo il superamento delle barriere uditive all'interno della Città della Salute e della Scienza di Torino, ha affidato in prestito il proprio pannello portatile ad induzione magnetica al principale sportello di accoglienza ubicato all'ingresso di c.so Bramante, naturalmente in attesa che l'Azienda supplisca come preventivato da tempo alle attuali lacune almeno nei punti chiave della struttura. 


 

Impianti cocleari, quando la tecnologia incontra la medicina e diventa possibilità

 Apic a diario innovazione intervista di VAlentina Ferrero
 
Una video intervista pubblicata su http://www.diariodelweb.it/ a cura di Valentina Ferrero, che riduce all'essenziale quasi tre quarti d'ora di parole, in un  clima piacevole.
L'intervista si è svolta nei locali dell'ex biblioteca che ospita lo Sportello Ascolto Spazio APIC e in parte nei locali degli ambulatori della S.C.ORL Audiologia Foniatria dell'AOU Città della scienza e della Salute di Torino diretta dal Prof. Roberto Albera che ringraziamo per la collaborazione .
Si ringrazia il Dr. Andrea Canale , il Dr. Massimo Spadola Bisetti, la D.ssa Carla Montuschi per la preziosa collaborazione e la reporter Valentina Ferrero per la simpatia e professionalità.
Ricordiamo che lo Sportello Ascolto è autonomo /indipendente rispetto alla S.C ORL .
 

 
 

Comunicato Regione Piemonte a seguito incontro del 1-10-2015

In seguito alla riunione del 1 Ottobre 2015 con l'Assessore Saitta, in cui l'APIC aveva denunciato gravi disservizi riguardo le prestazioni di assistenza protesica degli impianti cocleari (vedi richiesta di incontro) la Regione Piemonte con il comunicato del 24 novembre 2015 ha confermato a tutto il 2015 i contributi per gli apparecchi digitali per minori oltre che per il materiale d'uso degli impianti cocleari e processore esterno orecchio medio (extra LEA).

Comunicato della Regione Piemonte
Report dell'incontro con Assessore Regione Piemonte
Richiesta di incontro con Assessore Regione Piemonte


 

INCONTRO DELL’APIC CON L’ASSESSORE ALLA SANITA DELLA REGIONE PIEMONTE

Nella giornata di giovedì 1° ottobre 2015, l’Associazione APIC ha avuto il piacere di incontrare l’Assessore Antonio Saitta, Assessore alla Sanità della Regione Piemonte.
L’incontro ha avuto luogo grazie alla disponibilità dell’Assessore, su richiesta del Presidente dell’APIC, Paolo De Luca. Svoltosi a Torino, presso gli uffici regionali in Corso Regina Margherita, l’incontro verteva, in termini generali, sulla confusione talvolta riscontrata a livello regionale nell’applicazione dei Livelli Essenziali Sanitari (LEA) garantiti dalla normativa nazionale in tema di disabilità uditiva (a esempio sostituzione componentistiche esterne dell’impianto cocleare) e, parallelamente, sul riconoscimento e applicazione da parte delle Aziende Sanitarie Locali (ASL) dei servizi aggiuntivi previsti dalla Regione Piemonte (“extra-LEA”) (carica-batterie per IC, protesi acustiche digitali…).
In specifico, l’Associazione APIC ha posto l’attenzione sulla situazione di alcuni utenti (soci e non), i quali, nel 2014 e 2015, si sono visti rifiutare le istanze di sostituzione/manutenzione delle componentistiche - domande presentate presso gli uffici protesica delle ASL di riferimento sulla base di regolare prescrizione medica - in virtù di un illegittimo diniego (erronea interpretazione della normativa nazionale in merito ai LEA) oppure in ragione di una fantomatica sospensione del servizio (sospensione non disposta a livello regionale, ma da parte di alcune ASL in virtù del mancato trasferimento di fondi da parte della Regione alle stesse in tema di componentistiche “extra-LEA”).
L’incontro è stato cordiale e proficuo. Alla riunione erano presenti, per quanto riguarda la Regione Piemonte, l’Assessore Antonio Saitta e la Dottoressa Andreina Bonferrari. La delegazione APIC era composta dal Presidente Paolo De Luca; il vice Presidente Arcangelo Porricelli; la socia, Dottoressa Patrizia Consolino, audiologa e foniatra presso l’Ospedale Martini, Centro Di Audiologia Ed Otologia Infantile (CIAO); il socio, Dottor Diego Di Lisi, chirurgo, coordinatore del CIAO; il socio, Dottor Massimo Spadola Bisetti, audiologo foniatra presso SC ORL ed Audiologia, Azienda Ospedaliero-Universitaria (AOU), Città della Salute e della Scienza di Torino; il papà di un bimbo impiantato, socio dell’APIC, Dottor Danilo Comba, giurista.
La riunione si è aperta con i saluti, ai quali ha fatto seguito la presentazione del Presidente De Luca. Il presidente dell’APIC ha presentato i casi più eclatanti di diniego da parte degli uffici protesica, presentazione accompagnata da documentazione attestante la disapplicazione delle circolari regionali, la confusione dimostrata dagli enti preposti nella valutazione delle diverse richieste (a esempio, tra domande relative all’IC e domande relative all’impianto per orecchio medio) o ancora il foglio affisso presso un’ASL secondo il quale il servizio protesico è sospeso.
Il Presidente De Luca ha chiesto chiarimenti in merito, sia per quanto riguarda gli stanziamenti per l’anno 2015 sia per quanto riguarda l’adozione da parte della Sanità regionale di un documento/circolare, da inviare a tutte le ASL, in modo tale da eliminare la confusione, ma anche le diversità di trattamento tra utenti, in virtù dell’Azienda Sanitaria Locale a cui quest’ultimi si rivolgono. L’intervento dell’Assessore ha ottenuto un riscontro positivo da parte dei presenti. L’assessore Saitta si è innanzitutto impegnato a inviare una circolare alle ASL per favorire un’interpretazione uniforme della normativa (nazionale e regionale) in merito all’assistenza protesica (scadenze, ripetibilità, quando la richiesta vada accompagnata da ISEE e quando no…). Di seguito, dopo aver inquadrato la problematica economica degli stanziamenti 2015 (fin qui non adottati) nel più ampio contesto del commissariamento della sanità piemontese (commissariamento che prevede un piano di rientro da rispettare e una minor autonomia contabile da parte della Regione), l’assessore si è occupato dei fondi necessari per coprire i servizi regionali “extra-LEA” (protesi digitali, carica-batterie…). A Ottobre è prevista l’adozione di una bozza di assestamento per garantire tutte le coperture, alla quale farà seguito, a novembre, la fine del commissariamento. Secondo l’Assessore, ritrovata una più ampia autonomia contabile, le risorse necessarie per LEA/extra-LEA saranno più facilmente gestibili.
Quindi, in virtù della bozza di assestamento e del rispetto del piano di rientro, l’Assessore si è impegnato a inviare una lettera ai direttori ASL, per garantire a quest’ultimi il finanziamento protesico regionale per il 2015 ed evitare forzose e illegittime sospensioni del servizio. Infine, gli operatori del settore (ovvero i medici presenti alla riunione, Dottoressa Consolino, Dottor Di Lisi e Dottor Spadola Bisetti), i quali, di fatto, rappresentano “una fetta importante” di coloro che prescrivono le manutenzioni/sostituzioni delle protesi acustiche all’interno del territorio piemontese, hanno sottoposto alcuni interrogativi all’Assessore Saitta e alla Dott.ssa Bonferrari: il problema del non riconoscimento/diniego delle loro prescrizioni; il problema dell’inserimento dei codici nel modello; il problema delle “tempistiche” nell’autorizzazione delle prescrizioni mediche, con conseguente “vuoto” nella tutela del paziente ; infine il problema del “dumping” ospedaliero e autorizzativo.
A tal fine, è stato indicato come utile e proficuo accrescere il rapporto diretto tra ospedale e ASL, tra chi prescrive il dispositivo e chi deve autorizzarne la fornitura, ciò allo scopo di risolvere i casi di rifiuto e accelerare le operazioni autorizzative.
La riunione si è conclusa alle ore 17 circa.

Report completo dell'incontro
Richiesta di incontro con Assessore Regione Piemonte


 

Laboratorio di fiabe per bambini con disabilità uditiva

Laboratorio di fiabe APIC

Leggere… per vivere meglio! La lettura e i libri possono contribuire enormemente alla crescita del bambino, sia dal punto di vista degli apprendimenti sia nello sviluppo personale. Proprio per stimolare il piacere di leggere nei bambini con disabilità uditiva, l’Associazione APIC ha deciso di realizzare un laboratorio esperienziale dedicato alle fiabe.

Per informazioni e iscrizioni:
Dott. Daniele Del Priore – Referente progetto: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. – 340/5761935

Associazione APIC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Paolo De Luca – Presidente: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Lettera aperta per la diffusione del progetto Laboratorio di Fiabe
Locandina del laboratorio al seguente link
Pagina del Laboratorio su Facebook
Un primo bilancio del laboratorio
videorelazione per assemblea dei soci del 19 marzo 2015

Pagina del Polo Cittadino della Salute che ospita il Laboratorio
Lettera di saluto ai ragazzi del laboratorio
Videorelazione all'assemblea dei soci 2016
Video conclusivo del laboratorio 2015/2016


 

Torino Film festival 2015 - Una proiezione accessibile su 200!

TFF2015

ARTICOLO DA SUPERANDO.IT del 30Novembre 2015
«L’edizione di quest’anno del “Torino Film Festival” – segnala Paolo De Luca – non ha previsto pellicole accessibili, anzi no, a ridosso dell’inizio, grazie all’interessamento di privati, è spuntato un film, unica proiezione, nell’ultima giornata della manifestazione alle dieci di mattina, Terrore nello spazio… Altro che “terrore nello spazio”, sono i numeri a far terrore: una proiezione accessibile su 200!». Saremmo veramente molto lieti di poter ricevere motivate repliche e spiegazioni… LEGGI TUTTO


 

Comodato d'uso di un sistema a induzione domestico

L’associazione mette a disposizione per i soci che ne faranno richiesta sul territorio di Torino e del Piemonte, un impianto domestico bluethooth con collare ad induzione magnetica, adatto all’ascolto a distanza e senza fili di TV, riproduttori musicali e smartphone (solo se provvisti di tecnologia bluethooth).
L’impianto donato dalla MXM Neurelec tramite l'Ing. Alessandro Bassi, viene affidato al socio in comodato d’uso gratuito per alcune settimane; alla fine del periodo l’apparecchiatura deve essere restituita integra e completa di tutti i componenti all’associazione la quale la affiderà al successivo richiedente.
Il comodato ha lo scopo di far conoscere questa tecnologia a chi ha problemi uditivi ed è portatore di protesi acustica e/o impianto cocleare provvisti di bobina telecoil.
Queste apparecchiature sono facilmente reperibili nei negozi specializzati che trattano articoli per deboli di udito, le loro funzioni naturalmente variano da modello a modello. L’impianto in nostro possesso è uno dei più completi sul mercato e offre una panoramica molto vasta sulle possibili applicazioni di questa tecnologia.
Può essere richiesto allo Spazio APIC - sportello di ascolto, presente all'ospedale Molinette di Torino - 4° piano - locali dell'ex biblioteca di Audiologia - ala di via Genova 3, oppure via mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
In allegato sul presente link il manuale d’uso dell’apparato.

 


 

 

Spazio APIC - Sportello di ascolto

In collaborazione con l’AOU Città della Salute e della Scienza di Torino, l’A.P.I.C. è presente nel presidio Molinette al S.C. ORL2 Audiologia e Foniatria di via Genova, 3 presso il locali dell’ex biblioteca al 4° piano dal lunedì al giovedi dalle 9.30 alle 12.30 il venerdì solo su appuntamento.
Contatti:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  - 011.898.16.74 - 333.53.78.006 - 347.22.14.082 - 342.51.59.477


Spazio APIC

Lo sportello di ascolto A.P.I.C. è dedicato a chiunque voglia informarsi e/o confrontarsi sul tema della sordità. In particolare si rivolge alle persone che si trovano ad affrontare la realtà della diagnosi, ai genitori di un bambino di pochi mesi, all’adulto e ai loro famigliari. I volontari dell’A.P.I.C. presenti allo sportello cercheranno di trasmettere il loro bagaglio di conoscenze ed esperienze personali maturate come portatori di impianto cocleare.
Per visualizzare e/o scaricare il volantino completo, cliccare sul link
Articolo su Audiology Infos


 

Sordità: insieme per costruire

Raccogliere le variegate esperienze, le riflessioni e i suggerimenti delle persone sorde e delle loro famiglie, in vista anche di un prossimo convegno nazionale: è questo lo scopo del questionario lanciato dall’Associazione romana La Chiocciolina, cui le famiglie di un ragazzo sordo o le persone adulte con sordità possono rispondere fino al 15 marzo.

Vai al questionario cliccando sul seguente link: Questionario insieme per costruire - La Chiocciolina ONLUS

 


 

Non è un paese per sordi - Laura Brogelli

Non è un Paese per sordi!
Ascoltiamo da Laura Brogelli, referente del Comitato Nazionale Genitori Familiari Disabili Uditivi, sulla situazione dei sordi nel nostro Paese. Nessuno deve rimanere indietro, ora e sempre!

 

 

 


 

Pranzo Sociale APIC 2014

Cara/o  socia/o, amica/o: siamo quasi alla fine del 2014 e per l'APIC è tempo dell'appuntamento annuale del pranzo sociale, un evento  a cui siamo legati e che ci piace rinnovare. Come sapete il nostro appuntamento è aperto a tutte le persone che vogliono condividere la bellezza di trascorrere qualche ora  insieme con serenità e convivialità. Quindi  familiari, conoscenti, amici saranno molto graditi e sarà un grande piacere ritrovarci tutti insieme domenica 21 dicembre 2014 al ristorante Antico Casale in C.so Casale n° 278 a Torino

Segnaliamo  la celebrazione della S. Messa da parte del caro socio Don Augusto Scavarda  ,momento importante che  era saltato negli ultimi anni per sovrapposizione di impegni  di don Augusto. 
Ritenendo di fare cosa gradita ci abbiamo ritentato anche per il 2014 e questa volta  si è riusciti a trovare la data giusta.
In allegato:

Programma
Menù e informazioni

VI aspettiamo NUMEROSI domenica 21 dicembre 2014


 

APIC al PDTA del paziente sottoposto ad intervento di Impianto Cocleare

APIC parteciperà ai lavori del Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale del paziente sordo sottoposto ad intervento di posizionamento di impianto cocleare e protesi impiantabili che si terrà nell' Aula Magna Dental School di Via Nizza 230 (3° piano) nei giorni 17-18-19-20-21 novembre 2014. Le finalità, come da programma, sono quelle di sviluppare competenze cliniche specifiche mirate al trattamento della sordità in un’ottica interdisciplinare: pre e post impianto cocleare, protesi. Presa in carico del paziente bambino e/o adulto sia in ospedale che a domicilio.
Vedi in allegato il programma completo dell'evento.


 

Al 32° Torino Film Festival 3 film in versione accessibile

 

 

Dopo il successo ottenuto  lo scorso anno con la proiezione accessibile del film “La Mossa del Pinguino”, SUB-TI SUB-TI ACCESS, in collaborazione con la Fondazione Carlo Molo onlus, offrono3 proiezioni accessibili al Torino Film Festival, nell’ambito dell’iniziativa “Torino + Cultura Accessibile”. 3 film in programma al Torino Film Festival – tra i quali un classico della retrospettiva New Hollywood – saranno fruibili anche dalle persone disabili sensoriali in un’esperienza totalmente inclusiva. Seguendo una pratica diffusa all’estero, per la prima volta quest’anno, verrà reso accessibile anche un film straniero proiettato in lingua originale, con sottotitoli per i sordi, audio descrizione per i ciechi e audio sottotitoli in italiano. Il pubblico dei disabili sensoriali potrà così vivere pienamente l’esperienza del festival del cinema, seguendo il film in lingua originale. Si tratta di un primo esperimento di resa accessibile in un festival cinematografico di un film in lingua originale, che ha fatto la storia del cinema.

Le 3 proiezioni accessibili sono

martedì 25/11 - ore 17.15 - cinema Massimo 1
OGNI MALEDETTO NATALE - di Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre, Luca Vendruscolo, 2014, 95’
Tra Giulia (Alessandra Mastronardi) e Massimo (Alessandro Cattelan) è colpo di fulmine. A dividerli ci si mette il Natale, passato in casa delle rispettive famiglie: una rozzissima e caciarona, l’altra ricchissima e snob. Il nuovo film degli autori di Boris, con un cast che riunisce il meglio della commedia italiana: Valerio Mastandrea, Marco Giallini, Laura Morante, Francesco Pannofino, Corrado Guzzanti. Tutti in vena di trasformismo.

giovedì 27/11 - ore 11.30 - cinema Massimo 2
MIRAFIORI LUNA PARK - di Stefano Di Polito, 2014, 75’ 
Tre pensionati della Fiat, disgustati dal mondo di oggi, decidono di occupare la fabbrica dove hanno lavorato per una vita, Mirafiori, prima che venga abbattuta, e di farne un parco giochi per bambini. Una fiaba a tratti amara ma piena di speranza, che guarda all’impegno sociale con leggerezza non retorica. Con Alessandro Haber, Antonio Catania e Giorgio Colangeli.

sabato 29/11 ore 17.15 cinema Massimo 3
I TRE GIORNI DEL CONDOR (THREE DAYS OF THE CONDOR - di Sydney Pollack, USA, 1975, 117’
La New Hollywood degli anni ’70 quando l’interminabile prolungarsi della guerra del Vietnam e lo scandalo Watergate gettano il paese e il suo cinema in un clima di paranoia e insicurezza crescenti: tutti spiano tutti. Un ricercatore della CIA è l'unico superstite di una sezione di New York dell'organizzazione, sterminata da un gruppo di sicari. Con l'aiuto di Kathie sfugge agli assassini che lo braccano e scopre che dietro al complotto si nasconde un settore deviato della stessa CIA. Un film classico, un giallo incalzante una delle imperdibili prove d’attore di Robert Redford.

Tutti i contenuti accessibili saranno disponibili su smartphone su app Sub-ti ( Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. )

Modalità prenotazioni:
Il costo del biglietto è di 5 Euro.
Le associaizoni dovranno fare richiesta dei biglietti entro mercoledì 19 novembre inviando una mail a:
Fondazione Carlo Molo onlus
Daniela Trunfio - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Valentina Borsella - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Per prenotazioni successive a tale data l’ingresso sarà possibile verificando la disponibilità dei posti in sala.

Per informazioni:
Fondazione Carlo Molo onlus - Torino
Daniela Trunfio:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel. 339 6116688
Valentina Borsella:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

In collaborazione con le Associazioni Partners di Torino + Cultura Accessibile
APRI, APIC, CPD, ENS Fondazione Istituto dei Sordi di Torino, FIADDA Piemonte, FISH, Tactile Vision Onlus, IsITT, Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti - UICI, ASPHI, ANPVI Onlus - Associazione Nazionale Privi della Vista e Ipovedenti – Sezione Torino, Consorzio Kairos Area Sordità, Associazione Interpreti LIS – Lingua dei Segni Italiana.


 

Catalogo delle Newsletter, rassegne stampa, agenzie stampa sociali italiane

Un prezioso documento del Dipartimento Benessere di Comunità, Ufficio di Piano - Redazione sportelli sociali del Comune di Bologna: Sono numerosissimi i siti internet, le associazioni, i centri di documentazione, le agenzie, le istituzioni, i movimenti che curano notiziari informativi on line inviati gratuitamente alle persone che segnalano il proprio indirizzo di posta elettronica. Questi servizi inviano notizie e approfondimenti, segnalando le novità on line e le informazioni sulle attività delle varie organizzazioni e sui temi sociali più disparati: anziani, immigrazione, carcere, disabilità, politiche sociali, politiche sanitarie, minori e famiglie, dipendenze, cooperazione internazionale. Si tratta di strumenti molto utili, che permettono di rimanere aggiornati con regolarità sui temi di maggiore interesse, sia sugli aspetti di carattere generale che sulle iniziative dell’ente che ci informa e contribuiscono a fornirci un quadro complessivo, uno scenario su cui collocare i temi specifici che sono di nostro interesse. Qui di seguito le tre sezioni di questo Catalogo che riprende e aggiorna l'edizione del 2010, aggiungendo alle newsletter anche le indicazioni delle principali rassegne dalla stampa quotidiana e agenzia stampa.

Al seguente link le tre sezioni di questo Catalogo che riprende e aggiorna l'edizione del 2010, aggiungendo alle newsletter anche le indicazioni delle principali rassegne dalla stampa quotidiana e agenzia stampa.

 


 

Su MovieReading i sottotitoli e le audiodescrizioni del Festival del Cinema di Roma

Dal portale CulturAbile: MovieReading rivoluziona l’accessibilità dei Festival: così il Festival Internazionale del Cinema di Roma sceglie e “adotta” MovieReading per isottotitoli e le audiodescrizioni delle proiezioni accessibili previste dal programma. Quest’anno, infatti, i sottotitoli e le audiodescrizioni dei film accessibili saranno disponibili solo su MovieReading, fatta eccezione per il Cinema Barberini, dove continuerà a co-esistere anche la proiezione “tradizionale”, con i sottotitoli su minischermo e l’audiodescrizione in cuffia con trasmettitore.
Leggi l'articolo completo al seguente link: http://culturabile.it/2014/10/su-moviereading-i-sottotitoli-e-le-audiodescrizioni-del-festival-di-roma/

 


 

Convegno ASI 2014

L'APIC è stata invitata a partecipare all'interno del Convegno ASI 2014, alla tavola rotonda sul tema della normativa relativa alla sordità.
Il nostro Danilo Comba, ha effettuato un grosso lavoro di raccolta e sintesi sulla normativa italiana in tema di sordità. La ricerca si compone di più parti: Introduzione ai fondamenti giuridici, distinzione tra invalidità e handicap, riconoscimento sordità, iter da seguire, benefici previsti (sanitari, assistenziali, economici, sgravi fiscali). E' possibile visionare la prima parte delle slide (introduzione e figura sordità) presentate al convegno dal Presidente APIC Paolo De Luca cliccando sul link seguente: http://www.slideshare.net/combadanilo/normativa-sordit-1parte

Da segnalare inoltre l'articolo di Audiology Infos: "È stata una giornata ricca di contenuti ed emozioni, informazioni preziose e testimonianze condivise, quella che si è vissuta nella Nuova Aula del Palazzo dei Gruppi Parlamentari alla Camera dei Deputati, venerdì 3 ottobre scorso: l’occasione è stata creata dal convegno nazionale ASI 2014 “Affrontiamo la Sordità Insieme a 360°”, organizzato dall’associazione e dall’omonimo forum che raggruppa quattromilacinquecento soci in tutta Italia legati dall’interesse per i problemi dell’udito – per diretta esperienza personale o familiare, per professione o sensibilità specifica. Un movimento di energie e capacità, convenuto in una delle massime sedi istituzionali del Paese, con l’obiettivo di approfondire e risolvere le tematiche e le difficoltà che emergono sempre intorno a questo tema."
Leggi l'articolo completo al seguente link: http://www.audiology-infos.it/notizie/954-i-massimi-specialisti-e-i-genitori-piu-valorosi-per-affrontare-la-sordita-a-360

 


 

APICenainsieme - Apericena all'Hoste Matto

APICenainsieme

Vi aspettiamo venerdì 24 ottobre 2014 alle ore 19.00 per una serata dedicata a tutti noi, per stare insieme, parlare..... Per gustare qualcosa di buono. Musica di sottofondo e ospiti graditi.
L'APiCena è gratuita per associati all'APIC e €10 a persona per non iscritti.
Per aderire, 
si prega di inviare mail a  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  con oggetto APICena 24/10/2014 o contattando il Vicepresidente Angelo Porricelli cell.3472214082

Vi aspettiamo numerosi    

L'HOSTE MATTO - Via Giuseppe Giacosa 10/A - 10125 - TORINO (TO)
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
http://www.lhostematto.com
https://www.facebook.com/LhosteMatto?fref=ts

 


 

APIC Presente alle giornate Regionale del Volontariato del 24 e 28 settembre 2014

Apic Openday 2014Domenica 28 settembre 2014 si svolgerà in tutte le Città del Piemonte l’ottava edizione della Giornata del Volontariato.
Per essere più vicino ai cittadini, la Giornata del volontariato sarà realizzata con la nuova modalità organizzativa dell ‘Open Day: non più un convegno organizzato nella sola città di Torino, bensì una manifestazione che si svolgerà simultaneamente in tutta la Regione, durante la quale le Associazioni di Volontariato “apriranno le loro porte” ai cittadini per presentare, nei modi ritenuti più opportuni, i servizi e le attività svolte dalle loro organizzazioni.
L’Open Day, voluto dal Consiglio Regionale del Volontariato e reso possibile dall’Assessorato alle Politiche Sociali, rappresenta un’assoluta novità per il Piemonte e sarà caratterizzato da una miriade di interessanti iniziative.

1) a Torino ilForum del Volontariato propone dei percorsi tematici (assistenza, sanità, cultura sociale, giovani) per accompagnare cittadini a conoscere le associazioni mentre sono in attività.

2) In tutto il Piemonte per i giovani si sta organizzando un Flash Mob, inteso come un assembramento improvviso di un gruppo di persone in uno spazio pubblico, che si dissolve nel giro di poco tempo, con la finalità comune di mettere in pratica un'azione insolita. Il raduno viene generalmente organizzato via internet, posta elettronica, reti sociali o telefonia cellulare in contemporanea il 28 settembre 2014 alle ore 12.00 nella piazza principale di varie città Con quest’appuntamento si vuole testimoniare che in Piemonte il volontariato e la solidarietà esistono ed i giovani ci sono.

Inoltre per consentire alle varie realtà associative che non hanno la possibilità di tenere le porte aperte  propone :

3) a Torino vi saranno dei punti dove, con l'allestimento di gazebo, sarà possibile esporre il proprio materiale e dare informazioni  in diverse luoghi cittadini

L'APIC ha aderito a questa proposta e ha scelto di essere presente IN PIAZZA SANCARLO

 

 ALTRO IMPORTANTE EVENTO

Care/i, abbiamo aderito molto volentieri a un'altra iniziativa promossa dalla Federazione Europea delle Associazioni di volontariato operanti  nella Città della Salute e della Scienza di Torino . La giornata del volontariato si svolgerà anche mercoledì 24 settembre p.v. nell'interno del cortile delle Molinette dalle ore 9 alle ore 15.

 


 

Sistema ad induzione magnetica nel Punto Blu della Stazione Centrale FS di Milano

Apic telecoil

Il 9 luglio 2014 l'APIC insieme ad altre associazioni che si occupano del problema della sordità è stata invitata a provare l'impianto ad induzione magnetica installato nel Punto Blu della Stazione Centrale FS di Milano. La sala è stata infatti dotata per l'occasione di un sistema che permette ai pazienti portatori di protesi acustiche e/o impianto cocleare di percepire chiaramente le comunicazioni del personale presente al banco informazioni. Durante il test tutto ha funzionato al meglio, attivando la telebobina (o Telecoil) del nostro impianto/protesi acustica ed avvicinandosi al banco informazioni, il segnale trasmesso alle protesi è forte e chiaro e sovrasta l’eventuale rumore di fondo circostante.
Il sistema di amplificazione ad induzione magnetica è una tecnologia che va incontro alle esigenze dei pazienti portatori di protesi acustica e/o impianto cocleare, all’estero è piuttosto diffusa, molti sono gli ospedali, le chiese, i cinema, i teatri, le sale attesa di stazioni ferroviarie e aeroporti che ne fanno uso, mentre purtroppo in Italia sono pochissimi i locali che ne dispongono.
Questa tecnologia fa si che il campo magnetico generato da un sistema di amplificazione possa essere captato da piccole bobine incorporate nelle protesi acustiche o nei processori degli impianti cocleari. Essendoci la forte limitazione da parte del portatore di PA e/o IC di distinguere chiaramente i suoni in ambienti rumorosi, affollati o dove ci sono comunque più persone che parlano contemporaneamente, con il sistema si permette di trasmettere solo il segnale d’interesse che potrà quindi essere percepito dal portatore di PA/IC ad un’intensità superiore a  quello del rumore di fondo circostante.
C’è da augurarsi che ciò non rimanga un fatto isolato e che anche in Italia l’installazione di questo genere di ausili prenda sempre più piede, i professionisti in grado di fare un’ottimo lavoro, come dimostrato, anche da noi non mancano.

Da segnalare due articoli sullo stesso argomento: 
http://www.audiology-infos.it/notizie/934-viaggi-in-treno-piu-comodi-per-gli-ipoacusici-con-il-telecoil-di-milano-centrale
http://www.assoligureipoudenti.it/news.php?action=fullnews&id=97


 

Inaugurate le nuove sale operatorie ORL dell'ospedale Molinette

 

Sale operatorie integrate

APIC ha partecipato il 5 giugno 2014 all'inaugurazione nuove sale operatorie integrate di Otorinolaringoiatria e Chirurgia maxillo-facciale dell'ospedale Molinette, azienda ospedaliera universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino, al 4° piano di via Genova 3. "Queste sale operatorie vengono definite integrate - spiega l'Ao - per un concetto moderno di progettazione e realizzazione di un contenitore concepito con pareti modulari facilmente mantenibili e molto funzionali, che possono essere smontate e rimontate ovunque e in qualsiasi momento con le medesime dimensioni e proporzioni, anche e soprattutto in previsione della futura Città della Salute".


 

APIC alla tavola rotonda "La fragilità della famiglia"

L'APIC parteciperà il 10 Giugno 2014 alla tavola rotonda "La fragilità della famiglia".

La famiglia rappresenta il primo luogo di formazione della persona ed occupa un posto centrale all’interno della società per la quale rappresenta una risorsa. Questo è il primo di una serie di incontri nel corso dei quali cercheremo di affrontare le varie problematiche che coinvolgono la famiglia. Il nostro obiettivo è di rinforzare la rete fra cittadini, enti e associazioni che incontrandosi potranno più facilmente scambiare opinioni, pensieri, emozioni, esperienze e rafforzare il rapporto di collaborazione per perseguire una finalità condivisa. Le famiglie sono spesso lasciate sole a gestire situazioni gravi che superano la loro capacità di resistenza. Così divengono fragili ma la loro fragilità, se supportata, può diventare una forza.

Per ulteriori info cliccare sull'immagine sottostante

APIC la fragilità della famiglia


 

Da Audiology infos, un bel ritratto alla nostra Associazione

Riportiamo un bel ritratto della nostra Associazione, a cura del portale Audiology infos
L'articolo sintetizza molto bene la realtà che APIC è riuscita a costruirsi in questi anni.

Il valore del volontariato per APIC, Associazione Portatori di Impianto Cocleare

APICIntorno alla diagnosi di sordità e alla terapia riabilitativa si muovono energie che vanno molto oltre il centro ospedaliero, la famiglia, la società in genere: l’esperienza di chi condivide un destino simile è un valore inestimabile. Ritratto dell’APIC – Associazione Portatori di Impianto Cocleare.
Le origini del sodalizio risalgono al 1998, quando un gruppo di pazienti sordi profondi impiantati presso il Servizio di Audiologia e Foniatria dell’Ospedale Molinette di Torino decise di creare un’associazione a carattere volontario senza fini di lucro che costituisse un punto di riferimento per i pazienti già sottoposti all’intervento e per i candidati allo stesso. Gli obiettivi del progetto comprendevano anche iniziative per migliorare la qualità della vita degli utilizzatori di questi dispositivi per l’udito, coinvolgendo anche personale medico e tecnico esperto in materia. Inoltre, si legge nelle motivazioni dell’attività sociale:“Sensibilizzare le strutture pubbliche – sanitarie e non – per un miglioramento dell’assistenza e per la diffusione dell’informazione su questo sofisticato tipo di trattamento della sordità profonda che a tutt’oggi costituisce il metodo migliore per il recupero sociale di chi è affetto da questo grave deficit sensoriale o, in certi casi di sordità congenite, l’unico mezzo di appoggio per lo sviluppo del linguaggio nel bambino”. Oltre a queste lodevoli ambizioni, particolare importanza riveste anche la promozione di incontri fra gli associati, per l’aiuto reciproco e il confronto prezioso delle esperienze personali, che si traduce anche in un supporto concreto per i pazienti in attesa dell’intervento o che vi siano stati appena sottoposti, arrivando in tal modo anche a sensibilizzare, a vari livelli, i diversi ambienti della società sui problemi e sulle necessità di chi è affetto da sordità grave.

Oggi, l’APIC si riunisce mensilmente per organizzare e promuovere le numerose attività che vedono impegnati i suoi soci: l’attuale Consiglio Direttivo è composto dal presidente Paolo De Luca, dal vicepresidente Arcangelo Porricelli e dai consiglieri Ornella Gabbiano, Cristina Ottino, Barbara Stefanucci, Teresa Vitale, Davide Bechis, Leonardo Incrivaglia e Giovanni Nesci.

Nel marzo 2014, all’assemblea dei soci sono stati illustrati i lavori che hanno caratterizzato il 2013 dell’associazione: incontri nelle scuole elementari sulle tematiche di integrazione con i bambini affetti da sordità, partecipazioni ad altri sodalizi e impegni nel volontariato, interventi a programmi televisivi e interviste sul tema dell’impianto cocleare, iniziative culturali di formazione ma anche politiche e religiose sulla disabilità e il welfare nella sanità, riunioni con i responsabili dei Centri Impianti Cocleari degli ospedali Molinette e “Martini” e adesione alla Conferenza Aziendale di Partecipazione della Città della Scienza e della Salute della Città di Torino, inaugurazione del Centro Infantile di Audiologia e Otologia – CIAO e del “Percorso Bianco” al Pronto Soccorso dell’Ospedale “Martini” del capoluogo piemontese e del Centro Audiologico dell’Ospedale Infantile “Cesare Arrigo” di Alessandria, contributi alla Commissione IV e Pari Opportunità del Comune di Torino per discutere sui soggiorni estivi dei disabili, partecipazione ad uno studio per sistema ad induzione magnetica per protesi e impianto cocleare finalizzato ad una tesi di laurea di uno studente di Audiologia e Foniatria, dibattiti sul consenso informato e altre tematiche pratiche di interesse dei soci, richiesta di inserimento nell’elenco dei beneficiari del cinque per mille e raccolte di fondi, convenzioni per acquisto di pile per impianti cocleari. A queste attività si affianca la presenza continuativa negli ambulatori e nei reparti di degenza degli ospedali che eseguono impianti cocleari e la disponibilità all’incontro con chiunque desideri approfondirne le tematiche.

Articolo originale su: http://www.audiology-infos.it/notizie/875-il-valore-del-volontariato-per-apic-associazione-portatori-di-impianto-cocleare


 

Orecchio elettrico, connettività, elettrodi: che novità negli impianti cocleari?

Audiology 28 marzo 2014

L’impianto cocleare è uno degli interventi riabilitativi della sordità più noti e studiati, soggetto a continui miglioramenti e novità dal punto di vista tecnologico, chirurgico, di diffusione e raccomandazioni cliniche. Un interessante approfondimento, a cura di Roberto Filipo e Alessandro Martini.
Dal sito www.audiology-infos.it un interessantissimo articolo su: Cosa c’è dunque di nuovo su questo importante tema otorinolaringoiatrico e audiologico, si sono chiesti i due specialisti, rispettivamente professori ordinari dell’Università “La Sapienza” di Roma e dell’Università degli Studi di Padova? A rispondere a questo complesso quesito hanno chiamato alcuni colleghi delle rispettive scuole ma anche di altri atenei e ospedali italiani di rilievo, e a ciascuno hanno affidato un sottotema specifico da approfondire: il risultato è un compendio aggiornato sull’argomento, che riserva informazioni specifiche anche su aspetti particolari legati a questo intervento riabilitativo.


 

Il ruolo del Volontario nell'Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino

L'APIC attraverso alcuni dei suoi volontari ha partecipato agli eventi formativi promossi dall'Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino.
E' stato istituito un tavolo di lavoro in merito ai rischi del volontariato in ospedale e alla sorveglianza sanitaria e saranno definite le procedure, le linee guida, i protocolli, le istruzione operative o le regole di comportamento da condividere all’interno dell’Azienda e che devono essere diffuse a tutti i volontari.
Sulla pagina web dell'Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino dedicata alle associazioni sono presenti tutte le relazioni, le slide e il manuale informativo degli eventi.