Privacy e Cookie Policy dell’APIC Associazione Portatori Impianto Cocleare

Per maggiori informazioni, consulta la nostra Informativa sulla Privacy e la Cookie Policy.
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

INCONTRO DELL’APIC CON L’ASSESSORE ALLA SANITA DELLA REGIONE PIEMONTE

Nella giornata di giovedì 1° ottobre 2015, l’Associazione APIC ha avuto il piacere di incontrare l’Assessore Antonio Saitta, Assessore alla Sanità della Regione Piemonte.
L’incontro ha avuto luogo grazie alla disponibilità dell’Assessore, su richiesta del Presidente dell’APIC, Paolo De Luca. Svoltosi a Torino, presso gli uffici regionali in Corso Regina Margherita, l’incontro verteva, in termini generali, sulla confusione talvolta riscontrata a livello regionale nell’applicazione dei Livelli Essenziali Sanitari (LEA) garantiti dalla normativa nazionale in tema di disabilità uditiva (a esempio sostituzione componentistiche esterne dell’impianto cocleare) e, parallelamente, sul riconoscimento e applicazione da parte delle Aziende Sanitarie Locali (ASL) dei servizi aggiuntivi previsti dalla Regione Piemonte (“extra-LEA”) (carica-batterie per IC, protesi acustiche digitali…).
In specifico, l’Associazione APIC ha posto l’attenzione sulla situazione di alcuni utenti (soci e non), i quali, nel 2014 e 2015, si sono visti rifiutare le istanze di sostituzione/manutenzione delle componentistiche - domande presentate presso gli uffici protesica delle ASL di riferimento sulla base di regolare prescrizione medica - in virtù di un illegittimo diniego (erronea interpretazione della normativa nazionale in merito ai LEA) oppure in ragione di una fantomatica sospensione del servizio (sospensione non disposta a livello regionale, ma da parte di alcune ASL in virtù del mancato trasferimento di fondi da parte della Regione alle stesse in tema di componentistiche “extra-LEA”).
L’incontro è stato cordiale e proficuo. Alla riunione erano presenti, per quanto riguarda la Regione Piemonte, l’Assessore Antonio Saitta e la Dottoressa Andreina Bonferrari. La delegazione APIC era composta dal Presidente Paolo De Luca; il vice Presidente Arcangelo Porricelli; la socia, Dottoressa Patrizia Consolino, audiologa e foniatra presso l’Ospedale Martini, Centro Di Audiologia Ed Otologia Infantile (CIAO); il socio, Dottor Diego Di Lisi, chirurgo, coordinatore del CIAO; il socio, Dottor Massimo Spadola Bisetti, audiologo foniatra presso SC ORL ed Audiologia, Azienda Ospedaliero-Universitaria (AOU), Città della Salute e della Scienza di Torino; il papà di un bimbo impiantato, socio dell’APIC, Dottor Danilo Comba, giurista.
La riunione si è aperta con i saluti, ai quali ha fatto seguito la presentazione del Presidente De Luca. Il presidente dell’APIC ha presentato i casi più eclatanti di diniego da parte degli uffici protesica, presentazione accompagnata da documentazione attestante la disapplicazione delle circolari regionali, la confusione dimostrata dagli enti preposti nella valutazione delle diverse richieste (a esempio, tra domande relative all’IC e domande relative all’impianto per orecchio medio) o ancora il foglio affisso presso un’ASL secondo il quale il servizio protesico è sospeso.
Il Presidente De Luca ha chiesto chiarimenti in merito, sia per quanto riguarda gli stanziamenti per l’anno 2015 sia per quanto riguarda l’adozione da parte della Sanità regionale di un documento/circolare, da inviare a tutte le ASL, in modo tale da eliminare la confusione, ma anche le diversità di trattamento tra utenti, in virtù dell’Azienda Sanitaria Locale a cui quest’ultimi si rivolgono. L’intervento dell’Assessore ha ottenuto un riscontro positivo da parte dei presenti. L’assessore Saitta si è innanzitutto impegnato a inviare una circolare alle ASL per favorire un’interpretazione uniforme della normativa (nazionale e regionale) in merito all’assistenza protesica (scadenze, ripetibilità, quando la richiesta vada accompagnata da ISEE e quando no…). Di seguito, dopo aver inquadrato la problematica economica degli stanziamenti 2015 (fin qui non adottati) nel più ampio contesto del commissariamento della sanità piemontese (commissariamento che prevede un piano di rientro da rispettare e una minor autonomia contabile da parte della Regione), l’assessore si è occupato dei fondi necessari per coprire i servizi regionali “extra-LEA” (protesi digitali, carica-batterie…). A Ottobre è prevista l’adozione di una bozza di assestamento per garantire tutte le coperture, alla quale farà seguito, a novembre, la fine del commissariamento. Secondo l’Assessore, ritrovata una più ampia autonomia contabile, le risorse necessarie per LEA/extra-LEA saranno più facilmente gestibili.
Quindi, in virtù della bozza di assestamento e del rispetto del piano di rientro, l’Assessore si è impegnato a inviare una lettera ai direttori ASL, per garantire a quest’ultimi il finanziamento protesico regionale per il 2015 ed evitare forzose e illegittime sospensioni del servizio. Infine, gli operatori del settore (ovvero i medici presenti alla riunione, Dottoressa Consolino, Dottor Di Lisi e Dottor Spadola Bisetti), i quali, di fatto, rappresentano “una fetta importante” di coloro che prescrivono le manutenzioni/sostituzioni delle protesi acustiche all’interno del territorio piemontese, hanno sottoposto alcuni interrogativi all’Assessore Saitta e alla Dott.ssa Bonferrari: il problema del non riconoscimento/diniego delle loro prescrizioni; il problema dell’inserimento dei codici nel modello; il problema delle “tempistiche” nell’autorizzazione delle prescrizioni mediche, con conseguente “vuoto” nella tutela del paziente ; infine il problema del “dumping” ospedaliero e autorizzativo.
A tal fine, è stato indicato come utile e proficuo accrescere il rapporto diretto tra ospedale e ASL, tra chi prescrive il dispositivo e chi deve autorizzarne la fornitura, ciò allo scopo di risolvere i casi di rifiuto e accelerare le operazioni autorizzative.
La riunione si è conclusa alle ore 17 circa.

Report completo dell'incontro
Richiesta di incontro con Assessore Regione Piemonte