Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

SALONE DEL LIBRO: RICERCA, TECNOLOGIA E INNOVAZIONE SUL PALCO RAI DEL LINGOTTO

Il comunicato stampa RAI per il progetto pilota che ha visto APIC come parte attiva e che ci auguriamo abbia un grande impatto sulla sensibilizzazione all'accessibilità delle disabilità sensoriali.

RAI: Percorsi museali accessibili per non vedenti e non udenti

Torino 22/05/2017 - 11:23

Presentato al Lingotto un progetto innovativo rivolto all’inclusione delle persone con disabilità per creare un percorso museale pilota, presso il Museo della Radio e della Televisione di Torino.
Un progetto comune a cura del Centro di Produzione Rai di Torino, Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica e Segretariato Sociale in collaborazione con il Politecnico di Torino e “Città della salute”.
“E’ dedicato ai non udenti e non vedenti- ha precisato Maria Mussi Bollini, dirigente Rai e responsabile del Museo della Radio e della Televisione- e s’inserisce in una politica di inclusione e accessibilità che l’Assessorato alla cultura di Torino sta promuovendo su tutti i musei del territorio”
Un programma sorprendente come hanno spiegato Aberto Morello, direttore del Crit e Carla Montuschi, del dipartimento di Otorinolaringoiatria della Citta della Salute e Scienza di Torino assieme al Prof. Roberto Albera Ordinario di Otorinolaringoiatria Dipartimento Scienze Chirurgiche.
I non vedenti saranno audio guidati dal tablet della teca: quando uno di loro si avvicina viene accolto con una frase di benvenuto, e quindi gli viene descritto il contenuto della teca e gli oggetti presenti mentre per i non udenti sarà disponibile un attore virtuale per le traduzioni in Lis. Per portatori di apparecchio acustico o impianto cocleare si intende implementare un sistema di trasmissione ad induzione magnetica accoppiata alla diffusione bluetooth ma “In un contesto piuttosto rumoroso – spiega la dottoressa Carla Montuschi- senza una facilitazione si guasterebbe il messaggio. Quindi – ha proseguito - le persone portatrici di impianto cocleare si devono in questo caso avvalere anche dell’audio lettura”.