Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Da Audiology infos, un bel ritratto alla nostra Associazione

Riportiamo un bel ritratto della nostra Associazione, a cura del portale Audiology infos
L'articolo sintetizza molto bene la realtà che APIC è riuscita a costruirsi in questi anni.

Il valore del volontariato per APIC, Associazione Portatori di Impianto Cocleare

APICIntorno alla diagnosi di sordità e alla terapia riabilitativa si muovono energie che vanno molto oltre il centro ospedaliero, la famiglia, la società in genere: l’esperienza di chi condivide un destino simile è un valore inestimabile. Ritratto dell’APIC – Associazione Portatori di Impianto Cocleare.
Le origini del sodalizio risalgono al 1998, quando un gruppo di pazienti sordi profondi impiantati presso il Servizio di Audiologia e Foniatria dell’Ospedale Molinette di Torino decise di creare un’associazione a carattere volontario senza fini di lucro che costituisse un punto di riferimento per i pazienti già sottoposti all’intervento e per i candidati allo stesso. Gli obiettivi del progetto comprendevano anche iniziative per migliorare la qualità della vita degli utilizzatori di questi dispositivi per l’udito, coinvolgendo anche personale medico e tecnico esperto in materia. Inoltre, si legge nelle motivazioni dell’attività sociale:“Sensibilizzare le strutture pubbliche – sanitarie e non – per un miglioramento dell’assistenza e per la diffusione dell’informazione su questo sofisticato tipo di trattamento della sordità profonda che a tutt’oggi costituisce il metodo migliore per il recupero sociale di chi è affetto da questo grave deficit sensoriale o, in certi casi di sordità congenite, l’unico mezzo di appoggio per lo sviluppo del linguaggio nel bambino”. Oltre a queste lodevoli ambizioni, particolare importanza riveste anche la promozione di incontri fra gli associati, per l’aiuto reciproco e il confronto prezioso delle esperienze personali, che si traduce anche in un supporto concreto per i pazienti in attesa dell’intervento o che vi siano stati appena sottoposti, arrivando in tal modo anche a sensibilizzare, a vari livelli, i diversi ambienti della società sui problemi e sulle necessità di chi è affetto da sordità grave.

Oggi, l’APIC si riunisce mensilmente per organizzare e promuovere le numerose attività che vedono impegnati i suoi soci: l’attuale Consiglio Direttivo è composto dal presidente Paolo De Luca, dal vicepresidente Arcangelo Porricelli e dai consiglieri Ornella Gabbiano, Cristina Ottino, Barbara Stefanucci, Teresa Vitale, Davide Bechis, Leonardo Incrivaglia e Giovanni Nesci.

Nel marzo 2014, all’assemblea dei soci sono stati illustrati i lavori che hanno caratterizzato il 2013 dell’associazione: incontri nelle scuole elementari sulle tematiche di integrazione con i bambini affetti da sordità, partecipazioni ad altri sodalizi e impegni nel volontariato, interventi a programmi televisivi e interviste sul tema dell’impianto cocleare, iniziative culturali di formazione ma anche politiche e religiose sulla disabilità e il welfare nella sanità, riunioni con i responsabili dei Centri Impianti Cocleari degli ospedali Molinette e “Martini” e adesione alla Conferenza Aziendale di Partecipazione della Città della Scienza e della Salute della Città di Torino, inaugurazione del Centro Infantile di Audiologia e Otologia – CIAO e del “Percorso Bianco” al Pronto Soccorso dell’Ospedale “Martini” del capoluogo piemontese e del Centro Audiologico dell’Ospedale Infantile “Cesare Arrigo” di Alessandria, contributi alla Commissione IV e Pari Opportunità del Comune di Torino per discutere sui soggiorni estivi dei disabili, partecipazione ad uno studio per sistema ad induzione magnetica per protesi e impianto cocleare finalizzato ad una tesi di laurea di uno studente di Audiologia e Foniatria, dibattiti sul consenso informato e altre tematiche pratiche di interesse dei soci, richiesta di inserimento nell’elenco dei beneficiari del cinque per mille e raccolte di fondi, convenzioni per acquisto di pile per impianti cocleari. A queste attività si affianca la presenza continuativa negli ambulatori e nei reparti di degenza degli ospedali che eseguono impianti cocleari e la disponibilità all’incontro con chiunque desideri approfondirne le tematiche.

Articolo originale su: http://www.audiology-infos.it/notizie/875-il-valore-del-volontariato-per-apic-associazione-portatori-di-impianto-cocleare